Indice del forum IL MOSTRO DI FIRENZE
FORUM SU DELITTI SERIALI, CRONACA NERA ED ALTRO ANCORA
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Discussione generale su balistica, proiettili e dintorni
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... , 12, 13, 14  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Aspetti tecnici e balistici
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Gio Ago 17, 2017 5:26 pm    Oggetto: Ads

Top
Claudio



Registrato: 14/04/15 20:39
Messaggi: 478

MessaggioInviato: Gio Ago 20, 2015 7:31 am    Oggetto: Rispondi citando

Frank Powerful ha scritto:
RayConniff ha scritto:
Salute a tutti da Ray Conniff...

Con riferimento a quanto scritto saggiamente da Claudio, io, che sono neofita in questo forum ma non su questo topic, ho sempre letto come scontato - secondo alcuni forumisti - che una eventuale sostituzione di bossoli nel fascicolo di Perugia riguardante l'appello a S. Mele, con intento depistatorio, era poco verosimile perché avrebbe implicato anche la sostituzione della perizia Zuntini 1968. Io chiedo: perché? Tale perizia descriveva i bossoli? Chi l'ha mai letta? E' mai davvero stata nelle mani di Canessa nel 1994?



la perizia esiste, descriveva i bossoli e aveva fotografie in microscopia. questo è ragionevolmente certo. il fatto che non ce l'abbiamo noi è un problema nostro e non della perizia Smile



Chiedo scusa:

1: per cortesia, dove è scritto che nella primissima perizia Zuntini ci sono delle microfotografie

2: dove è scritto che detta perizia è allegata agli atti e di quale processo e/o relazione di parte o quel che sia

3: dove e da chi è scritto che è stata letta come testo scritto e da chi/dove

Chiedo scusa, è solo per capire un punto fondamentale: tu scrivi "ragionevolmente certo". Va bene, ma perchè lo è? Per tuo legittimissimo personale convincimento oppure perchè risulta da qualche atto ?

A me, nel rispetto del tuo legittimissimo convincimento, interessa sapere se risulta dagli atti (perchè io non ne trovo - sicuramente per colpa mia - nemmeno uno, nemmeno di parte).

_________________
Quid leges sine moribus vanae proficiunt
Top
Profilo Invia messaggio privato
Frank Powerful



Registrato: 13/04/15 18:27
Messaggi: 444

MessaggioInviato: Gio Ago 20, 2015 9:33 am    Oggetto: Rispondi citando

Claudio ha scritto:
Frank Powerful ha scritto:

RayConniff ha scritto:
Salute a tutti da Ray Conniff...

Con riferimento a quanto scritto saggiamente da Claudio, io, che sono neofita in questo forum ma non su questo topic, ho sempre letto come scontato - secondo alcuni forumisti - che una eventuale sostituzione di bossoli nel fascicolo di Perugia riguardante l'appello a S. Mele, con intento depistatorio, era poco verosimile perché avrebbe implicato anche la sostituzione della perizia Zuntini 1968. Io chiedo: perché? Tale perizia descriveva i bossoli? Chi l'ha mai letta? E' mai davvero stata nelle mani di Canessa nel 1994?



la perizia esiste, descriveva i bossoli e aveva fotografie in microscopia. questo è ragionevolmente certo. il fatto che non ce l'abbiamo noi è un problema nostro e non della perizia Smile



Chiedo scusa:

1: per cortesia, dove è scritto che nella primissima perizia Zuntini ci sono delle microfotografie

2: dove è scritto che detta perizia è allegata agli atti e di quale processo e/o relazione di parte o quel che sia

3: dove e da chi è scritto che è stata letta come testo scritto e da chi/dove

Chiedo scusa, è solo per capire un punto fondamentale: tu scrivi "ragionevolmente certo". Va bene, ma perchè lo è? Per tuo legittimissimo personale convincimento oppure perchè risulta da qualche atto ?

A me, nel rispetto del tuo legittimissimo convincimento, interessa sapere se risulta dagli atti (perchè io non ne trovo - sicuramente per colpa mia - nemmeno uno, nemmeno di parte).


ne ho una pagina, siglata da Zuntini, dove si parla di microfotografie. Filastò in un'intervista legge un testo che risalirebbe a Zuntini, anche se non è ben chiaro cosa sia, se la perizia stessa o altro. E' citata - indirettamente - nella sentenza Micheli. Canessa ne parla in aula nel 94 e dice che ""Il Colonnello Zuntini fece, ovviamente, la perizia balistica arrivò alla determinazione di qual era l'arma e di quali erano i bossoli, i proiettili che erano stati usati e si allargò un po' cercando di ricostruire lui la dinamica, come perito balistico, di come era andato." Mi sembra chiaro che l'ha letta.
Certo mi sfuggiranno altri punti.

_________________
Ignoramus et ignorabimus

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
gabrielesamy



Registrato: 16/08/10 03:50
Messaggi: 1358

MessaggioInviato: Gio Ago 20, 2015 2:06 pm    Oggetto: Rispondi citando

Molto probabilmente si tratta del fascicolo dei rilievi tecnici,un' album dove pagina per pagina si spiegano minuziosamente gli esami effettuati,con foto e verbali del lavoro effettuato.-


N.B. questo fascicolo è impossibile sostituirlo,in quanto viene redatto in più copie,uno viene inviato alla Procura,un'altro all'Organo di Polizia che procede ed un'altro agli atti del comando dove l'autore (in questo caso Zuntini) era in carico.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Claudio



Registrato: 14/04/15 20:39
Messaggi: 478

MessaggioInviato: Gio Ago 20, 2015 2:19 pm    Oggetto: Rispondi citando

Frank Powerful ha scritto:
Claudio ha scritto:
Frank Powerful ha scritto:

RayConniff ha scritto:
Salute a tutti da Ray Conniff...

Con riferimento a quanto scritto saggiamente da Claudio, io, che sono neofita in questo forum ma non su questo topic, ho sempre letto come scontato - secondo alcuni forumisti - che una eventuale sostituzione di bossoli nel fascicolo di Perugia riguardante l'appello a S. Mele, con intento depistatorio, era poco verosimile perché avrebbe implicato anche la sostituzione della perizia Zuntini 1968. Io chiedo: perché? Tale perizia descriveva i bossoli? Chi l'ha mai letta? E' mai davvero stata nelle mani di Canessa nel 1994?



la perizia esiste, descriveva i bossoli e aveva fotografie in microscopia. questo è ragionevolmente certo. il fatto che non ce l'abbiamo noi è un problema nostro e non della perizia Smile



Chiedo scusa:

1: per cortesia, dove è scritto che nella primissima perizia Zuntini ci sono delle microfotografie

2: dove è scritto che detta perizia è allegata agli atti e di quale processo e/o relazione di parte o quel che sia

3: dove e da chi è scritto che è stata letta come testo scritto e da chi/dove

Chiedo scusa, è solo per capire un punto fondamentale: tu scrivi "ragionevolmente certo". Va bene, ma perchè lo è? Per tuo legittimissimo personale convincimento oppure perchè risulta da qualche atto ?

A me, nel rispetto del tuo legittimissimo convincimento, interessa sapere se risulta dagli atti (perchè io non ne trovo - sicuramente per colpa mia - nemmeno uno, nemmeno di parte).


ne ho una pagina, siglata da Zuntini, dove si parla di microfotografie. Filastò in un'intervista legge un testo che risalirebbe a Zuntini, anche se non è ben chiaro cosa sia, se la perizia stessa o altro. E' citata - indirettamente - nella sentenza Micheli. Canessa ne parla in aula nel 94 e dice che ""Il Colonnello Zuntini fece, ovviamente, la perizia balistica arrivò alla determinazione di qual era l'arma e di quali erano i bossoli, i proiettili che erano stati usati e si allargò un po' cercando di ricostruire lui la dinamica, come perito balistico, di come era andato." Mi sembra chiaro che l'ha letta.
Certo mi sfuggiranno altri punti.



Carissimo,

Ti ringrazio.

Prendo atto che possiedi una copia della perizia del 1968, o almeno di una sua parte, che è possibile avere (è bene precisarlo) in maniera del tutto piana ed assolutamente lecita da qualcuna delle parti coinvolte nei vari processi: ad esempio, dagli Avvocati penalisti di parte. Ciò dimostra che agli atti c'era e che, già nel 1968, conteneva anche allegati fotografici (come quella del 1974). Grazie ancora.

Per il resto: il Dr Canessa parla della perizia del 1968, ma in modo non chiarissimo, dichiarando anche: "Si, materialmente io non l'ho trovata, non so se si è trattato di un disguido, comunque è lì io le ho fatto una copia, una copia per lei (Dr. Ognibene, ndr)."
Il Principe Filastò ne parla in una intervista, ma legge un testo in cui si parla anche dell'altra perizia Zuntini, quella successiva. Non può quindi essere che legga la perizia del 1968.
Il Dr Micheli cita la perizia in modo vago ed incidentale, nel corso della Sua sentenza.

Orbene, persiste quindi la certezza che siano stati più volte comparati i bossoli versus i bossoli. Grazie al Tuo chiarimento, acquisiamo anche la cognizione (basterebbe conoscere un perito partecipante ai processi e ce lo direbbe lui) che questa perizia del 1968 è stata correttamente sempre allegata agli atti per darne visione a parti e periti.

Non sappiamo ancora, però, se siano stati (da Avvocati, magistrati e/o periti) comparati accuratamente i testi (per inciso, scritti dalla stessa mano, per cui di particolare probanza) e le fotografie 1968 versus 1974 (e oltre). Se tu lo hai fatto o fatto fare ad un esperto balistico, sarebbe interessante conoscere la risposta.

Questo anche perè gli stessi giudici scrivono che i vari periti compararono i bossoli, anche Iadevito ed Arcese e Salza e Benedetti, dal 1983 al 1987. Cito il DR Rotella: "A partire dal 1983, le perizie disposte dopo ciascun nuovo caso hanno comparato i reperti balistici rinvenuti con quelli del 1968"

Mi chiedo quindi, atteso che la perizia è stata sempre correttamente allegata tanto che ne esiste copia: il testo e le foto del 1968 (non i bossoli) sono compatibili e congruenti con le perizie successive ?

Anche per iscritto da parte dei periti, non parrebbe sia stata data attenzione al testo scritto, bensi' sempre (e solo, mi chiedo ?) al reperto.

In questo Forum, un eccellente perito che ha partecipato ad uno dei processi afferma di aver avuto agli atti, ma di non aver letto la perizia Zuntini del 1968, comparando i reperti. Mi permetto di scriverlo perchè è quello che scrisse lui, nel 2012.

E' sempre stato così, chiedo ?

Erano tre quesiti, due hanno avuto risposta: ne rimane uno.

Chiedo scusa, ma io sono un medico ed un rigoroso ricercatore clinico: desidero solo capire, non ho teorie/teoremi da difendere.

Un caro saluto

_________________
Quid leges sine moribus vanae proficiunt
Top
Profilo Invia messaggio privato
RayConniff



Registrato: 06/08/15 23:03
Messaggi: 420

MessaggioInviato: Gio Ago 20, 2015 9:37 pm    Oggetto: Rispondi citando

Io temo che siamo sempre al quesito centrale formalmente irrisolto circa l'origine - o l'intento, poco chiaro - della scoperta della pista sarda (peraltro abbandonata, a malincuore da Rotella, ma comunque abbandonata nel 1989):

- il maestro Powerful presenta evidenze che, a mio parere, sono ancora indirette, della esistenza, nel 1968, e della successiva lettura - completa o parziale - da più parti processuali della originaria perizia Zuntini che descriverebbe anche i bossoli espulsi dall'arma usata a Signa, una Beretta ca. 22 serie 70., quali che siano questi bossoli.

- il metodico Claudio - a proposito, piacere tutto mio nel conoscerti, collega - evidenzia che una cosa è affermare, magari tramite frammenti di essa o citazioni di essa, che la perizia descriveva ogive sparate e bossoli espulsi dalla Beretta di Signa. Altra cosa è affermare che la perizia identificasse "i bossoli allegati al fascicolo dell'appello di Perugia a S. Mele" come quelli che in effetti Zuntini aveva repertato e identificato nel 1968. Ancora tutt'altra cosa - questa semplice e banale, ma temo l'unica cosa che avvenne - è accertare che i bossoli ritrovati nel fascicolo di Perugia (sì, ma da dove arrivavano?) fossero stati anche loro sparati dalla beretta che uccise dal 74 all'85.

A me sembra di aver sempre letto che lo stesso Zuntini mai fece chiarezza sul seguente punto, mai disse: "sì, i bossoli ritrovati inusitatamente nel 1982 erano proprio quelli che io esaminai, descrissi, fotografai, etc. nel 1968 a Signa." Questa è la difficoltà che ancora mi frena nel condividere le certezze o quasi-certezze dell'eccellente Powerful.
In altri termini, è qui che casca l'asino...
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Frank Powerful



Registrato: 13/04/15 18:27
Messaggi: 444

MessaggioInviato: Gio Ago 20, 2015 11:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

Non so cosa sia successo, in questa fine agosto è scoppiato dappertutto l'inferno sulla questione bossoli, depistaggio ecc.; ma credo che succeda periodicamente Very Happy
Premesso che non sono né mi sento maestro, ma un ricercatore di storia (i maestri semmai sono altri, anche nella specifica materia del MdF), che dire? l'esercizio del dubbio critico è sempre benefico, ma questo non significa che ciò che (noi) non possiamo dimostrare non esista.
Non essendo in grado di rifare tutto ex novo a partire dal 1968 tramite la macchina del tempo, di qualcosa bisogna pur starsene; ribadisco quindi, sulla base non di evidenze, ma di probabilità, la mia personalissima e indimostrabile opinione che non vi fu alcun depistaggio e che l'arma fu la stessa per tutti gli 8 omicidi. Per contrastare questa opinione, però, non basta supporre che ci può essere stato un depistaggio alla "Coniglio il martedì", bisogna trovare l'originale della perizia Zuntini, leggervi che le pallottole sparate erano Fiocchi e non Winchester e vedervi allegate delle foto che non corrispondono a quelle delle perizie comparative successive.
In mancanza, ritengo prudente allinearsi al consenso informato degli studiosi, per dirla in maniera professionale . Cool

_________________
Ignoramus et ignorabimus

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
sherlock79



Registrato: 01/03/12 18:02
Messaggi: 574

MessaggioInviato: Ven Ago 21, 2015 1:42 am    Oggetto: Rispondi citando

Ma che vuol dire originale perizia? Quella scritta a macchina direttamente dal Colonnello Zuntini? Sarà stata inserita nel suo archivio e le copie carbone inviate al magistrato da li se ne fa sempre una copia e al processo Pacciani la si fotocopia e ancora nei processi successivi.
L'originale è poco importante perché esistono delle copie e se ne sa il contenuto, circa l'attendibilità venivano firmate dal perito balistico in ogni pagina e a quel punto ecco che si verifica da questo che si tratta di un documento non falsificato.
Le fotografie rilasciano una sicurezza in più attraverso le quali si può avere dei riscontri assieme ad un esame nuovo dei reperti ritrovati, bossoli e proiettili.

Eccola l'originale non ci sono segreti ed è stata studiata ad ogni processo.
Top
Profilo Invia messaggio privato
gabrielesamy



Registrato: 16/08/10 03:50
Messaggi: 1358

MessaggioInviato: Ven Ago 21, 2015 2:34 am    Oggetto: Rispondi citando

No Sherlock, al Magistrato va trasmessa la copia originale,altrettanto è originale quella che giace agli atti e quella inviata al comando di Polizia che procede. All'epoca, non esistevano le fotocopiatrici,si usava la carta carbone, per fare più copie. Una volta timbrate e sottoscritte una per una,tutte sono originali.-
Top
Profilo Invia messaggio privato
Frank Powerful



Registrato: 13/04/15 18:27
Messaggi: 444

MessaggioInviato: Ven Ago 21, 2015 11:08 am    Oggetto: Rispondi citando

gabrielesamy ha scritto:
No Sherlock, al Magistrato va trasmessa la copia originale,altrettanto è originale quella che giace agli atti e quella inviata al comando di Polizia che procede. All'epoca, non esistevano le fotocopiatrici,si usava la carta carbone, per fare più copie. Una volta timbrate e sottoscritte una per una,tutte sono originali.-


infatti, come già avevo scritto, la pagina che visto io è siglata da Zuntini. al processo del 1994 l'originale siglato non c'è, immagino, poiché Canessa parla di fotocopia, ci sarà anche la sigla; per me è sufficiente.

_________________
Ignoramus et ignorabimus

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
Claudio



Registrato: 14/04/15 20:39
Messaggi: 478

MessaggioInviato: Ven Ago 21, 2015 4:38 pm    Oggetto: Rispondi citando

sherlock79 ha scritto:
Ma che vuol dire originale perizia? Quella scritta a macchina direttamente dal Colonnello Zuntini? Sarà stata inserita nel suo archivio e le copie carbone inviate al magistrato da li se ne fa sempre una copia e al processo Pacciani la si fotocopia e ancora nei processi successivi.
L'originale è poco importante perché esistono delle copie e se ne sa il contenuto, circa l'attendibilità venivano firmate dal perito balistico in ogni pagina e a quel punto ecco che si verifica da questo che si tratta di un documento non falsificato.
Le fotografie rilasciano una sicurezza in più attraverso le quali si può avere dei riscontri assieme ad un esame nuovo dei reperti ritrovati, bossoli e proiettili.

Eccola l'originale non ci sono segreti ed è stata studiata ad ogni processo.



Carissimi,

veramente l'estate è stata governata dalla dissezione del segreto di Pulcinella: l'ultimo duplice omicidio non avvenne la domenica.

Tornando a noi: avete ragione tutti, sventuratamente.

E' solo questione di metodo e, molto correttamente, il mitico Frank Powerful scrive "è mia personalissima opinione". E' perfetto per uno storico, come lui è, ed anche io ho le mie opinioni sul caso MdF oppure su perchè Caravaggio uso' poco l'azzurro dei poveri e per nulla quello dei ricchi.

Nessuno può affermare - ed io non lo affermo in alcun modo - che i bossoli+proiettili "spillati" alla perizia Zuntini del 1968 siano stati fraudolentemente "aggiunti" 15 anni dopo da qualcuno. Sembra, anzi, che spillare bossoli e proiettili incellophanati fosse tipico dello Zuntini (lo afferma il Principe Filastò). Certo, poichè la scoperta relativa al 1968 è eterodiretta mediante missiva anonima, in cui addirittura citando sempre il Principe Filastò ci sarebbe stato scritto: "sono molto vicino a Voi" e, citando una miriade di altre fonti tra cui assumerebbe particolare valore probante il giornalista Spezi, che scrive di aver dichiarazione firmata dal Dr Tricomi in merito, ci sarebbe stato addirittura il ritaglio di giornale originale relativo al primo duplice omicidio, il sospetto prende un pochino pochino di fievole/legittima forza.
Nulla di più: non sono un complottista, non ho mie ipotesi (o meglio, la ho, ma non ho il tempo per scriverci sopra, per cui la tengo rigorosamente per me), non ho mie verità. Da ricercatore clinico: gaurdo i dati e ragiono. Sempre. Come fate Voi, tranne talune eccezioni.

Poichè, però, risulta da quanto viene scritto che il testo del 1968 nessuno lo ha letto con cura - lo avranno fatto, per carità: però non lo hanno scritto - e persino il Dr Rotella mette per iscritto che tutti, Salza-Benedetti, Castiglione-Spampinato e Iadevito-Arcese, hanno comparato reperti, non perizie, mi chiedo banalmente: possibile che nessuno abbia una copia di questa perizia del 1968, così saniamo questa grave lacuna e passiamo a cercare di capire meglio, che so io, le discrepanze De Robertis versus Micheli ?

Tante piccole banalità (8 colpi o 10 colpi ? Arma vecchiotta oppure arma relativamente recente ? Perchè avvertire anonimamente ? Perchè negarlo, generando il più classico dei segreti di Pulcinella ?), fomentate dal fatto che siamo italiani e, quindi, abituati a pensare che i Fortebracceschi "Lor Signori" siano per natura abituati al mendacio, verrebbero a cadere in mezzo secondo.

Altrimenti: io, così come in altre occasioni ho osservato che ipotesi fondate se ne possono fare diverse, ma certezze altrettanto fondate (ed incoercibili, a volte) sul caso del MdF non se ne possono avere, resterò con il piccolissimo retropensiero che perizia del 1968 e reperti ad essa spillati forse - dico forse - non fossero completamente assonanti.

Forse.....Tutto qua......il forse è lecito

_________________
Quid leges sine moribus vanae proficiunt
Top
Profilo Invia messaggio privato
sherlock79



Registrato: 01/03/12 18:02
Messaggi: 574

MessaggioInviato: Ven Ago 21, 2015 7:34 pm    Oggetto: Rispondi citando

gabrielesamy ha scritto:
No Sherlock, al Magistrato va trasmessa la copia originale,altrettanto è originale quella che giace agli atti e quella inviata al comando di Polizia che procede. All'epoca, non esistevano le fotocopiatrici,si usava la carta carbone, per fare più copie. Una volta timbrate e sottoscritte una per una,tutte sono originali.-


Ho capito va bene ci saranno tre copie originali, ancora meglio no, di cui una sarà stata spedita a Caponnetto che era il magistrato inquirente, una agli atti e una al comando di Signa. Ma al di la di quello chi ci dice che non ci sono più le copie originale Canessa? Ma è la norma portare in processo il documento originale o basta una copia. Nel susseguirsi di Investigatori, magistrati e quant'altri si sono occupati del caso chissà che fine ha fatto. Magari neanche è sparita e una copia originale l'ha il comando di Signa. Magari è sparita solo l'originale negli atti, rimasta a qualche magistrato inquirente come Rotella per esempio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
sherlock79



Registrato: 01/03/12 18:02
Messaggi: 574

MessaggioInviato: Sab Set 12, 2015 3:08 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ho trovato sull'emeroteca di Flanz l'intervista completa di Filastò a Zuntini nel 1984, pare evidente che il Colonnello non ha dubbi sul fatto che nel delitto del 68 siano stati usati gli stessi proiettili e la stessa arma degli altri delitti.

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
Claudio



Registrato: 14/04/15 20:39
Messaggi: 478

MessaggioInviato: Sab Set 12, 2015 5:10 pm    Oggetto: Rispondi citando

sherlock79 ha scritto:
Ho trovato sull'emeroteca di Flanz l'intervista completa di Filastò a Zuntini nel 1984, pare evidente che il Colonnello non ha dubbi sul fatto che nel delitto del 68 siano stati usati gli stessi proiettili e la stessa arma degli altri delitti.

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.





Carissimo,

Grazie, perfetto.

Dovrò stamparla, perchè non riesco a leggerla: ripeto grazie nel frattempo.

Se il Colonnello dichiarò la sua certezza (ora leggo), mi pare si vada al di la del ragionevole dubbio, non solo giudiziariamente parlando, su possibili depistaggi. Dal 1968 in poi: fu unica arma.

A questo punto ti chiedo: abbiamo qualche dato che indichi chi suggerì al Maresciallo Fiori il collegamento 1968-1974 ?

Pensare ad una reminiscenza non sollecitata è oggettivamente difficile.

_________________
Quid leges sine moribus vanae proficiunt
Top
Profilo Invia messaggio privato
sherlock79



Registrato: 01/03/12 18:02
Messaggi: 574

MessaggioInviato: Sab Set 12, 2015 5:21 pm    Oggetto: Rispondi citando

Aspetta c'è una relazione di servizio del maresciallo Francesco Fiori, ritrovata negli archivi dell’Avvocato Santoni Franchetti;

“Dal 1960 al 1969 prestavo servizio a Signa, presso la tenenza dei CC, nel settembre/ottobre del 69 sono passato alla compagnia di Firenze fino al 1974, successivamente tornai a Signa fino al 1979 e poi di nuovo a Firenze sino al congedo avvenuto il 27.5.1986.

"Avevo seguito il caso sul delitto di Signa, accompagnando il Maresciallo Ferreri all’Istituto dove era ospitato il bambino Natalino Mele. Nei giorni dell’omicidio non ero presente a Signa perché in ferie. Dopo il delitto del 1982, parlando con l’appuntato Piattelli Ugo, che era in servizio a Signa nel 1968, venne fuori il ricordo del duplice delitto del 1968. Più precisamente, ricordammo che in quella località fu compiuto un duplice omicidio ai danni di una coppia di amanti in atteggiamenti amorosi in auto con un’arma da fuoco“

Aspetta c'è anche un intervista all'appuntato Ugo Piattelli:

“Confermo l’episodio descritto dal Maresciallo Fiori e ricordo che avemmo una discussione circa l’anno dell’omicidio, lui ricordava il 1964, mentre io sostenevo che si trattava del 1968.

Assieme ci recammo dal Colonnello Dell’Amico che seguiva le indagini, il quale rinvenne un fascicolo personale, non so a quale persona implicata nella vicenda appartenesse. Dell’Amico informò subito il G.I. Dr. Tricomi, che dapprima contattò il perito balistico dell’epoca e poi fece richiesta alla Cancelleria della Corte d’Appello di Perugia e successivamente a quella di Firenze per l’acquisizione degli atti processuali“

Grande lavoro è stato fatto! Sembra non ci sia nessuna missiva di orientamento di indagini da parte di alcuno, ma solo un ricordo di due Carabinieri.

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
RayConniff



Registrato: 06/08/15 23:03
Messaggi: 420

MessaggioInviato: Sab Set 12, 2015 5:29 pm    Oggetto: Rispondi citando

Aspetta, Claudio, c'è anche un intervista di Paolo Cochi al giudice Tricomi (che sotto ti sintetizzo).

Preso atto, come anch'io ho fatto da poco (grazie dell'articolo, Sherlock), che l'arma 1968-1985 fu davvero sempre la stessa, e della tua domanda, Claudio, ti riposto una sintesi che avevo già scritto e che ti può aiutare (spero).
E' la testimonianza più prossima a ciò che accadde come origine della pista sarda (nel Luglio 1982, nel post-Baccaiano).

"Recentemente ho letto una intervista (datata, sicuramente) di Paolo Cochi al giudice istruttore Tricomi (che abbandonò il caso, pare con suo sollievo, nel 1983).

Nonostante le affermazioni di Spezi, Tricomi sembra essere fermo nel sostenere che messaggio anonimo nel 1982 non ci fu, tantomeno dal sinistro Cittadino Amico più volte citato dal pur eccellente De Gothia (vedere il suo scritto "La notte del Cittadino Amico").
Pare che un giorno questo maresciallo Fiori presentò a Tricomi un vecchio ritaglio di giornale (risalente quindi al 1968) che parlava del caso della coppia uccisa da una calibro 22 a Signa. Poi Tricomi suggerì al maresciallo di approfondire, etc., etc. Quindi a sentire Tricomi (intervistato da Cochi) non vi furono bigliettini anonimi che suggerivano di approfondire il caso del '68. Vulgata elogiativa dell'attività dei Carabinieri o altro? Ormai impossibile saperlo.

Certo è che Spezi (nel suo "romanzo-verità" del 2006) sostiene che lo stesso Tricomi gli avesse messo per iscritto che tale messaggio anonimo (oltre al ritaglio di giornale) fosse esistito, e strano che più fonti (ma quanto autorevoli?) affermano che almeno tale autografo di Tricomi fosse davvero in possesso di Spezi quando Giuttari lo "attenzionò". "
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Aspetti tecnici e balistici Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... , 12, 13, 14  Successivo
Pagina 13 di 14

 
Vai a:  
Puoi inserire nuovi argomenti
Puoi rispondere a tutti gli argomenti
Puoi modificare i tuoi messaggi
Puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e

Cerca solo in mostrodifirenze.forumup.it


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.164