Indice del forum IL MOSTRO DI FIRENZE
FORUM SU DELITTI SERIALI, CRONACA NERA ED ALTRO ANCORA
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

moventi del mdf
Vai a 1, 2, 3  Successivo
 
Nuovo argomento   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum -> Le ipotesi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Ago 19, 2017 6:48 pm    Oggetto: Ads

Top
monica63



Registrato: 07/02/13 16:55
Messaggi: 16

MessaggioInviato: Sab Set 07, 2013 9:20 pm    Oggetto: moventi del mdf Rispondi citando

qualcuno di voi ha letto il libro di Giuseppe Dell Amico (figlio del più famoso Olinto che partecipò a quasi tutte le indagini sui delitti del mostro)?Il titolo è"Rapporto C.O.A.L.vorrei una vostra opinione in merito xchè io sono rimasta un pò stupita ed esterfatta............ Rolling Eyes

_________________
monica63
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
bruchetto



Registrato: 10/07/12 13:45
Messaggi: 1063

MessaggioInviato: Lun Set 09, 2013 8:46 pm    Oggetto: Re: moventi del mdf Rispondi citando

monica63 ha scritto:

qualcuno di voi ha letto il libro di Giuseppe Dell Amico (figlio del più famoso Olinto che partecipò a quasi tutte le indagini sui delitti del mostro)?Il titolo è"Rapporto C.O.A.L.vorrei una vostra opinione in merito xchè io sono rimasta un pò stupita ed esterfatta............ Rolling Eyes


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

?
Pare si tratti di quello che l'anno scorso si chilamava "Cronaca di un delitto d'onore - La vera storia del Mostro di Firenze", solo che è passato da una quarantina di pagine a 169?
Avrà finito o sta ancora aggiungendo roba?
L'idea è sempre quella di PP nascosto a Signa? Che arriva Mele, spara un colpo prendendo la moglie al braccio e si blocca... PP esce, gli prende la [CENSORED] di mano e finisce il lavoro ecc.?
Top
Profilo Invia messaggio privato
monica63



Registrato: 07/02/13 16:55
Messaggi: 16

MessaggioInviato: Mar Set 10, 2013 5:18 pm    Oggetto: Rispondi citando

si,proprio quello.in più ci ha messo un pò di compagni di merende e altro,qualcuno molto in alto non specificato.infine narducci coinvolto ma in un gioco da ragazzi della borghesia annoiati e con la passionex l occulto.alla faccia della psicopatologia del mdf,sembra tutto un guazzabuglio,che però mette in relazione tutti i personaggi fin qui conosciuti,presunti mostri,pali del momento,testimoni e via e via.non aggiunge niente alla storia ma si accoda,fantasiosamente direi,all ipotesi della conbriccola ,dei mandanti,delle messe propiziatorie con i feticci,non mi è piaciuto per niente e non credo che Olinto Dell Amico avesse questa prospettiva riguardo alla vicenda.....o almeno lo spero Sad

_________________
monica63
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
bruchetto



Registrato: 10/07/12 13:45
Messaggi: 1063

MessaggioInviato: Mer Set 11, 2013 8:58 am    Oggetto: Rispondi citando

monica63 ha scritto:

non mi è piaciuto per niente e non credo che Olinto Dell Amico avesse questa prospettiva riguardo alla vicenda.....o almeno lo spero Sad

anch'io mi sono chiesto se il padre avesse in mente quella ricostruzione dei fatti (e mi sono risposto: "mi sa di no")
Top
Profilo Invia messaggio privato
pescincanna



Registrato: 03/10/13 12:19
Messaggi: 33

MessaggioInviato: Ven Ott 04, 2013 5:34 pm    Oggetto: Rispondi citando

Moventi? butto lì la mia ipotesi:
1968 e 1974 delitti nei quali il mostro era legato alle vittime in qualche modo... non riesco a capire però come dai sardi si passi a Pacciani e co. E' un peccato che Natalino Mele non ricordi nulla di quella notte.
Comunque, nel 1968 il motivo sarebbe chiaro, nel 1974 per me il mostro s'è sfogato sulla Pettini. Sappiamo e ho letto che la Pettini era una ragazza molto moderna per i tempi, fumava, era anche molto bella e secondo me era quel tipo di ragazze che se la tirano. Con tutto rispetto per la povera Stefania.
Può essere che abbia risposto male al mostro o l'abbia deriso in altre occasioni, perciò poi s'è vendicato. Però dicendo questo mi contraddico da solo sull'ipotesi che il mostro sceglieva a caso le vittime. Oppure le sceglieva a caso dal 1981. Nei 7 anni di silenzio si sarà sfogato in qualche modo (Pacciani era in carcere?) e poi è riscoppiata la furia!
Anche le l'impeto maggiore rimane nel 1974 secondo me, vista la furia con cui aggredisce le vittime, anche per motivi situazionali, come la portiera dell'auto aperta e l'impossibilità di avvicinarsi di molto all'auto.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
moemi77



Registrato: 04/02/14 11:31
Messaggi: 1

MessaggioInviato: Mar Lug 01, 2014 1:03 am    Oggetto: Rispondi citando

C'è una cosa che mi suona un po' strana di Olinto Dell’Amico, nel delitto del 1981 fa il collegamento con il 74, ma nonostante era presente anche sul luogo del crimine del'68, non fa il collegamento anche con questo. E mi sembra, nelle varie interviste, che il '68 lo ricordasse benissimo nei minimi particolari.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Granata69



Registrato: 24/09/10 22:25
Messaggi: 259

MessaggioInviato: Mer Lug 02, 2014 9:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

moemi77 ha scritto:
C'è una cosa che mi suona un po' strana di Olinto Dell’Amico, nel delitto del 1981 fa il collegamento con il 74, ma nonostante era presente anche sul luogo del crimine del'68, non fa il collegamento anche con questo. E mi sembra, nelle varie interviste, che il '68 lo ricordasse benissimo nei minimi particolari.


Neanche il perito Zuntini, come Dell'Amico, fa il collegamento con il 1968 nel 1974 e lo fa subito nell'81 con il 1974. Stranezze.
Top
Profilo Invia messaggio privato
La Rinascente



Registrato: 24/02/10 20:14
Messaggi: 4509

MessaggioInviato: Gio Lug 03, 2014 9:58 am    Oggetto: Rispondi citando

Granata69 ha scritto:
moemi77 ha scritto:
C'è una cosa che mi suona un po' strana di Olinto Dell’Amico, nel delitto del 1981 fa il collegamento con il 74, ma nonostante era presente anche sul luogo del crimine del'68, non fa il collegamento anche con questo. E mi sembra, nelle varie interviste, che il '68 lo ricordasse benissimo nei minimi particolari.


Neanche il perito Zuntini, come Dell'Amico, fa il collegamento con il 1968 nel 1974 e lo fa subito nell'81 con il 1974. Stranezze.


Il delitto del 1968 era risolto, con un reo confesso fra l'altro condannato in Cassazione;delitto circoscritto a una faida interna fra immigrati sardi e nondimeno compiuto senza uso di coltello. Perché avrebbero dovuto collegarlo col massacro di Rabatta?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Granata69



Registrato: 24/09/10 22:25
Messaggi: 259

MessaggioInviato: Gio Lug 03, 2014 12:06 pm    Oggetto: Rispondi citando

Perché era il loro lavoro ricordarsi e fare collegamenti con la storia criminale della zona. Ma con il 1968 non li trovarono.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ale



Registrato: 22/02/09 16:34
Messaggi: 3526

MessaggioInviato: Gio Lug 03, 2014 12:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

State in topic o lucchetto
Top
Profilo Invia messaggio privato
La Rinascente



Registrato: 24/02/10 20:14
Messaggi: 4509

MessaggioInviato: Gio Lug 03, 2014 12:47 pm    Oggetto: Rispondi citando

Granata69 ha scritto:
Perché era il loro lavoro ricordarsi e fare collegamenti con la storia criminale della zona. Ma con il 1968 non li trovarono.


Perché collegamenti? Stiamo parlando di carabinieri di provincia, mica di criminologi come De Fazio e Perugini... Siamo nel 1974, vengono ritrovati i corpi straziati di Stefania e Pasquale. Per qual motivo i carabinieri avrebbero dovuto pensare che quello in realtà era il secondo delitto di un assassino seriale, collegato con un duplice omicidio avvenuto 6 anni prima che aveva già un reo confesso, una sentenza passata in giudicato, una sua spiegazione logica (delitto di clan)?
Spiegamelo, ma senza usare il senno di poi, come fai sempre.
Top
Profilo Invia messaggio privato
babau



Registrato: 30/06/14 16:16
Messaggi: 36

MessaggioInviato: Mar Lug 15, 2014 6:19 pm    Oggetto: Movente del mostro Rispondi citando

Entro in punta di piedi in questo interessantissimo ed esauriente forum per proporre la "mia" ipotesi di movente per i delitti del mostro.
Specifico che, grazie all'apposita sezione sui sardi, ho appena finito di leggere Il Rapporto Torrisi e sposo in pieno la tesi SV mdf.
Quindi il movente risiede nella psicologia malata del suddetto che, "punisce" le coppie che amoreggiano, lui che è sempre stato messo da parte per qualcun'altro, lui che non sa vivere un rapporto in maniera sana.
Barbarina S. l'ha sposato perchè costretta ma,nonostante tutto, ama ed è riamata da A.Pili, S.V. NON RIESCE a farsi rispettare e la "suicida".
La Locci dopo essersi intrattenuta spesso e volentieri con lui, siccome è volubile, nel momento in cui ha rapporti con Lo Bianco esclude S.V. e il marito da qualsiasi contatto sessuale (S.V. non disdegnava che la Lo Bianco avesse rapporti con altri ma diventa esageratamente geloso nel momento in cui viene allontanato) quindi, probabilmente convince-dandogli la pistola- il Mele all'omicidio d'onore facendolo aiutare dalla famiglia.
Per il delitto del 74 concordo con la tesi di "La Rinascente" probabilmente S.V. ,da guardone,cercò un approccio con la coppia e venne malamente rifiutato, il Gentilcore difese ai suoi occhi "l'esclusività" del suo rapporto con la fidanzata, alla donna quindi viene dato un valore, non è un oggetto, può decidere liberamente a chi concedersi e si concede alla persona che ama di qui scaturisce la rabbia da frustrazione del S.V. che nulla può fare se non "vendicarsi".
I delitti seriali degli anni 80 coincidono con l'allontanamento della R.Massa che DECIDE di non essere più Oggetto di S.V. e si innamora di un uomo che lavorava per il marito e fugge con lui a Trieste. Altro "tradimento".
Vinci dalle donne che frequenta viene sempre allontanato.Spesso trovano un altro uomo che lo sostituisce.
Questo per me è quello che lo getta nella più assoluta frustrazione e si sfoga...
P.S.Il "tradimento" avviene sempre da parte delle donne.Gli uomini che frequenta invece gli rimarranno sempre fedeli (da Salvatore Steri a Silvano Vargiu) quindi quando, durante il delitto di Giogoli, scopre di avere ucciso due uomini, non utilizza l'arma bianca per overkilling.

Scusatemi se sono stata prolissa..
Saluti a chi avrà la pazienza di leggermi...
Top
Profilo Invia messaggio privato
La Rinascente



Registrato: 24/02/10 20:14
Messaggi: 4509

MessaggioInviato: Mar Lug 15, 2014 7:54 pm    Oggetto: Rispondi citando

Esatto, Babau.
Faccio delle precisazioni.
Se l'interesse primario del mostro fosse stato collezionare velli pubici e seni sinistri, avrebbe colpito prostitute, bersagli facili (come fecero tanti assassini seriali eterosessuali: in Italia i vari Stevanin, Bergamo, Giudice, Minghella, Bilancia...); colpire prostitute avrebbe significato evitare le campagne, ridurre il rischio di essere catturato durante l'operazione dello scalpo del pube, e mille altre facilitazioni, con in più la possibilità di colpire nell'arco di tutto l'anno, con la garanzia di feticci freschi da gennaio a dicembre.

Invece uccideva coppie, ed è questo suo uccidere coppie che rivela la sua sessualità, la sua bisessualità. Le donne della vita di SV (RM, seconda moglie, AP, sua amante nel periodo 1979-83) hanno raccontato che egli concepiva il rapporto sessuale come ménage a [CENSORED] s, cioè sentiva sempre il bisogno della presenza di un altro uomo durante l'amplesso (come avveniva nei rapporti a tre con la Locci e Mele, e con i coniugi SB e GB). Ed ecco che lo stesso schema si ripete nei delitti: non gli interessa colpire la donna da sola, con lei ci dev'essere anche un maschio, altrimenti non c'è gusto, l'azione di sfregio non porta soddisfazione.
Gli scalpi del pube non servivano a produrre feticci, ma avevano semplicemente la funzione di vilipendio del cadavere femminile. Anzi io arrivo a sostenere che per il mostro (ossia, mia opinione, SV) il vello pubico e il seno, rappresentassero qualcosa di negativo da estirpare, in quanto simboli dell'eterosessualità e della coppia chiusa poiché gli attributi della donna le permettono solo di ricevere, senza dare, mentre il maschio può sia ricevere che dare.

Dunque quando il mostro uccideva Pasquale e Stefania (o Giovanni e Carmela, ecc), diceva "Io punisco Pasquale e Stefania, perché io vorrei congiungermi con ENTRAMBI, in tutti i modi possibili, ma loro non me lo permettono, sia perché Stefania si nega e concepisce Pasquale come eterosessuale puro e non lascerebbe mai che io glielo rubi o che lui prenda me invece che lei, sia perché Pasquale non solo non mi concede Stefania, ma non concede nemmeno se stesso a me e non è interessato a me che mi concedo a lui, in quanto egli è eterosessuale puro."

Il mostro di Firenze fu un serial killer bisessuale che uccideva simbolicamente ciò che non riusciva a concepire, l'eterosessualità pura, rappresentata dal bersaglio dei suoi assalti: la coppia eterosessuale. Spero sia tutto chiaro.
Top
Profilo Invia messaggio privato
babau



Registrato: 30/06/14 16:16
Messaggi: 36

MessaggioInviato: Mar Lug 15, 2014 9:12 pm    Oggetto: i moventi Rispondi citando

Sei stata chiarissima Rinascente.
E' una chiave di lettura che si discosta poco da quello che penso.
In effetti è vero che dimostra odio verso l'eterosessualità ma in quanto esclusività della donna che considera oggetto.
Sarebbe stato interessante a livello psicologico (peccato che la perizia psichiatrica non fu mai fatta) sapere anche il rapporto che aveva avuto con la madre...Con il padre si sa che fu terribile (rapporto Torrisi).
E' anche probabile che mostro che era in lui si sia "acceso" dopo la grandissima delusione (come anche alluse Francesco Vinci senza specificare quale..) dell'abbandono della Steri.

Saluti
Top
Profilo Invia messaggio privato
La Rinascente



Registrato: 24/02/10 20:14
Messaggi: 4509

MessaggioInviato: Mar Lug 15, 2014 10:16 pm    Oggetto: Re: i moventi Rispondi citando

Per SV, sposare Barbarina serviva solamente per sposare il fratello di lei, Salvatore Steri, in tempi in cui il matrimonio gay era oggettivamente impensabile. Se Barbarina fosse riuscita ad allontanarsi a Cagliari col piccolo Antonello, sarebbe emersa la tragica verità: l'omosessualità (all'epoca più omo che bi) di Vinci e di Steri. Questo è il motivo di quell'omicidio: "meglio che in paese mi chiamino il vedovo, che il finocchio".
Barbarina lo disprezzava perché aveva capito che lui preferiva farsela coi maschi e lo tradiva col Pili. Qui nasce l'odio verso la coppia eterosessuale, il germe del mostro.
Poi quando conoscerà la Locci e il Mele troverà il paradiso in terra, perché scoprirà anche la femmina ("Non era una statua. Quando faceva all’amore partecipava. Lo sapeva fare. Era questo che conquistava")

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



...e così diverrà a tutti gli effetti bisessuale. Il resto della storia, dal matrimonio con RM in poi lo sappiamo: ménages a [CENSORED] s (e a quatre coi coniugi B.)...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum -> Le ipotesi Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a 1, 2, 3  Successivo
Pagina 1 di 3

 
Vai a:  
Puoi inserire nuovi argomenti
Puoi rispondere a tutti gli argomenti
Puoi modificare i tuoi messaggi
Puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e

Cerca solo in mostrodifirenze.forumup.it


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.2