Indice del forum IL MOSTRO DI FIRENZE
FORUM SU DELITTI SERIALI, CRONACA NERA ED ALTRO ANCORA
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Marco Vannini: una tragedia o un omicidio volontario?
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 108, 109, 110, 111  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Delitti e misteri
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Giu 24, 2017 3:24 am    Oggetto: Ads

Top
Alive&Kicking



Registrato: 25/01/16 19:45
Messaggi: 125

MessaggioInviato: Gio Mar 09, 2017 11:57 pm    Oggetto: Rispondi citando

coppo76 ha scritto:
Il problema è che se ti rubano o qualcuno si impossessi dell'arma e non avevi custodito in armadio ti becchi 2 anni di reclusione + 1000 euro di sanzione per omessa custodia. Questo reato viene applicato in tutti i casi,anche quando lasci l'arma in auto chiusa a chiave, in tribunale poi bisogna dimostrare che era ben custodita.
....


- L'esempio dell'auto non c'entra nulla, visto che l'auto puo' essere rubata (rimorchiandola) anche se chiusa, la casa no. Per questo un'auto incustodita (anche se chiusa a chiave) é sicuramente omessa custodia.

- Per quanto riguarda il furto in casa é pieno di sentenza che smentiscono il tuo assunto, te ne cito alcune, puoi trovarne quante ne vuoi.

SEZ. 1 SENTENZA. 07154 DEL 20/01/00
Non costituisce violazione dell'obbligo di diligenza nella custodia delle armi, previsto e sanzionato dall'art.20 della legge 18 aprile 1975 n.110, la detenzione di un fucile da caccia tenuto in casa sopra un armadio, non sussistendo per il privato cittadino alcun obbligo di adottare particolari sistemi ed efficienti misure di difesa contro i furti in abitazione né rilevando l'eventuale inidoneità della suddetta modalità di custodia ad impedire l'impossessamento dell'arma da parte di minorenni o altri soggetti da ritenere incapaci o imperiti, atteso che detta inidoneità può rilevare, sussistendone le condizioni, solo con riferimento alla diversa e specifica ipotesi di reato prevista dall'art.20 bis della legge n.110 del 1975.


SEZ. I, SENTENZA N. 15541 del 01/04/2004
Non costituisce violazione dell'obbligo di diligenza nella custodia delle armi, previsto e sanzionato dall'art. 20 della legge 18 aprile 1975 n. 110, la detenzione, da parte di taluno, di un fucile da caccia all'interno del garage di sua esclusiva proprietà, non sussistendo per il privato cittadino alcun obbligo di adottare particolari sistemi ed efficienti misure di difesa antifurto, ne' rilevando l'eventuale inidoneità di tali modalità di custodia ad impedire l'impossessamento dell'arma da parte di minorenni o altri soggetti incapaci o imperiti, dal momento che tale inidoneità può rilevare, sussistendone le condizioni, solo con riferimento alla diversa e specifica ipotesi prevista dall'art. 20-bis della stessa legge (omessa adozione delle cautele necessarie nella custodia di armi).


L'ultima modifica di Alive&Kicking il Ven Mar 10, 2017 12:37 am, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Alive&Kicking



Registrato: 25/01/16 19:45
Messaggi: 125

MessaggioInviato: Ven Mar 10, 2017 12:05 am    Oggetto: Rispondi citando

coppo76 ha scritto:
Ma sei un po duro hai letto la legge sulla Omessa custodia? è chiarissima.
La vecchia legge del 75 è stata abrogata e quello che leggi sul sito di Mori sono interpretazioni su vecchie leggi.

In caso di successione o eredità di armi serve il nulla osta della questura , Questo non ti viene dato se non hail il Certificato psicofisico ASL e le munizioni non ti vengono mai date se non hai un porto armi. Altrimenti come penseresti di trasportarle?

In Italia ogni anno vengono denunciati più di 1000 persone di reato di omessa custodia , cosa ti stai inventando.
Lo sanno tutti che le armi vanno custodite nel miglior modo possibile e utilizzando tutte precauzioni.


- devi essere specifico, non generico ("abrogata" in italia é un ossimoro, ci sono una pletora di leggi e circolari che riformano parti delle vecchie leggi).

- questo é tratto dalla sintesi di Mori, edizione Gennaio 2017:
"... È consentito lasciarle alla portata di familiari ed altre persone ospitate, se capaci; non è richiesto che esse siano abilitate al maneggio di armi..."

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



- il fatto che siano denunciate 1000 persone significa tutto o nulla (io direi che CC e PS non hanno idea di cosa sia o non l'omessa custudia, visti i casi assurdi e la pletora di assoluzioni).


- in caso di ereditá quello che penso io o tu non c'entra nulla. TI ho linkato un modulo e la questura SE NON DETIENI LE MUNIZIONI non ti chiede il certificato di maneggio. NOn é una opinione, é un fatto (pure scritto su un modulo).
Top
Profilo Invia messaggio privato
coppo76



Registrato: 27/01/17 11:57
Messaggi: 11

MessaggioInviato: Ven Mar 10, 2017 12:12 am    Oggetto: Rispondi citando

Non hai capito che le sentenze della cassazione da te citate non hanno più valore,in quanto fanno riferimento a leggi vecchie che sono state abrogate.
Vedrai che adesso non trovi più sentenze favorevoli dato che il comma 20 Bis è chiarissimo e sostituisce la vecchia legge.

Se non capisci o non vuoi capire non lo sò .... ma sicuramente tutti quelli che hanno a che fare con le armi sanno bene di quanto sia importante detenere le armi in posti sicuri e non accessibili da altri.

Se esistono cretini che detengono le armi in casa allo sbaraglio non lo sò e non ne ho mai conosciuti .

Poi puoi dire quello che vuoi questa discussione è inutile e ripetitiva.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
coppo76



Registrato: 27/01/17 11:57
Messaggi: 11

MessaggioInviato: Ven Mar 10, 2017 12:25 am    Oggetto: Rispondi citando

Ti rispondo sul fatto delle questure che rilasciano il nulla osta per siuccessione.
Le leggi in materia di armi sono complesse e sono vent'anni che le studio e mi tengo aggiornato perche variano in continuazione e dato che alcune non sono chiare le Questure richiedono spesso al ministero delle interpretazioni.
Detto questo dal 2014 non si può più ottenere il nulla osta se non si è prima in possesso del certificato psicofisico ASL,il nulla osta si ottiene solo su discrezione della questura dopo una attenta valutazione.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Alive&Kicking



Registrato: 25/01/16 19:45
Messaggi: 125

MessaggioInviato: Ven Mar 10, 2017 12:40 am    Oggetto: Rispondi citando

coppo76 ha scritto:
Non hai capito che le sentenze della cassazione da te citate non hanno più valore,in quanto fanno riferimento a leggi vecchie che sono state abrogate.
Vedrai che adesso non trovi più sentenze favorevoli dato che il comma 20 Bis è chiarissimo e sostituisce la vecchia legge.

Se non capisci o non vuoi capire non lo sò .... ma sicuramente tutti quelli che hanno a che fare con le armi sanno bene di quanto sia importante detenere le armi in posti sicuri e non accessibili da altri.

Se esistono cretini che detengono le armi in casa allo sbaraglio non lo sò e non ne ho mai conosciuti .

Poi puoi dire quello che vuoi questa discussione è inutile e ripetitiva.


- il 20 bis é del 1991 e le sentenze che ho citato sono posteriori e lo menzionano pure... (e le ho pure arrossate)
(Provvedimenti urgenti in tema di lotta alla criminalità organizzata) (Art. 9), convertito in legge 12.7.1991, n. 203, il quale ha regolato la materia introducendo l'art. 20bis nella legge 18.04.1975, n. 110 1 (Gazzetta Ufficiale n. 105 del 21 aprile 1975).

Comunque chiudo qui. Mori é esplicito.La sua sintesi é del 2017 ed é chiarissima. Scrivi a lui e digli che si sbaglia, cosí poi la corregge.
Buona fortuna.
p.s.: la discrezionalitá (deve basarsi su solide basi, tanto che si può fare ricorso).
Ma non c'entra nulla con quanto ho linkato
"Il Questore ha la facoltà di non concedere il rilascio della licenza alle persone ritenute capaci di abusarne ai sensi degli artt. 11 e 43 T.U.L.P.S. Avverso il provvedimento di diniego, l'interessato può produrre ricorso in bollo al Prefetto nel termine di giorni trenta dalla notifica o, in alternativa, al TAR Veneto entro 60 giorni dalla stessa data."

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
coppo76



Registrato: 27/01/17 11:57
Messaggi: 11

MessaggioInviato: Ven Mar 10, 2017 1:11 am    Oggetto: Rispondi citando

Qui non centrano i pochi casi in cui la cassazione a dato parere favorevole.
Le interpretazioni di Mori o "usanza" di un comune rispetto ad un altro che lasciano il tempo che trovano.
Un qualunque possesore di armi non ha voglia di venire sanzionato, iscritto sul casellario e di conseguenza la revoca e confisca di porto e di tutte le armi denunciate, per poi intraprendere una strada giudiziaria che è tutta un incognita....
Poi il buon senso per chi ne possiede! di certo non ti fa lasciare armi in casa alla mercea di tutti, con il rischio che qualcuno le usi impropriamente.

PS: quando effettui un corso di tiro di qualsiesi categoria,di polizi, tiro dinamico ecc. Ti vengono sempre ricordate le tre regole principali ossia.

1 ) Non lasciare mai l'arma incustodita
2 ) Non puntare mai l'arma verso qualcuno o verso se stessi
3 ) Non portare mai un arma carica se non si è in possesso di porto specifico per que'arma

Tutte e tre le regoline sono di materia penale, con i relativi capi d'accusa:
Omessa custodia, procurato allarme + aggravanti, porto abusivo di armi.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Alive&Kicking



Registrato: 25/01/16 19:45
Messaggi: 125

MessaggioInviato: Mar Mar 14, 2017 9:21 pm    Oggetto: 13 Marzo UDienza Rispondi citando


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


"Secondo uno studio portato in aula dal consulente del PM dott. Gaudio il 100% dei casi studiati di persone recatesi all’ospedale con segni vitali analoghi a quelli di Marco sono sopravvissuti....
.. medici hanno passato in rassegna tutto il lavoro svolto deducendo anche importanti elementi circa la traiettoria del proiettile. Il colpo sarebbe partito dall’alto verso il basso ad una distanza di 25 cm dal corpo di Marco. Un colpo partito quindi a poco più di un palmo dal ragazzo."
..L’ogiva, che secondo il dottor Cipolloni non può essersi spostata a seguito delle manovre di rianimazione del corpo del ragazzo. Il proiettile avrebbe creato una lesione secondo Cipolloni non compromettendo le funzioni cardiache. Non vi sarebbero sempre secondo Cipolloni lesioni valvolari.

Sempre il dottor Cipolloni ha ribadito come causa della morte quella dello “shock emorragico”. I medici hanno stimato che in quel lasso di tempo di un’ora e mezzo tra la ferita e l’arrivo al PIT Marco possa aver perso circa un litro e mezzo di sangue, accumulatosi soprattutto internamente. Parliamo di circa un terzo del sangue che ha un corpo umano."
" Secondo i consulenti della difesa è “inescusabile” il mancato riconoscimento da parte degli operatori di una ferita d’arma da fuoco. Per il prof. Sacchetti anche in caso di dichiarazione di falso di un ferito il personale deve essere in grado di poter riconoscere la natura di una ferita simile. Va però detto ad onor del vero che a dichiarare il falso non sarebbe stato in questo caso il ferito, bensì colui che avrebbe sparato al ragazzo."

PAzzesco...se vado dal medico dicendo che ho un raffreddore, sarebbe colpa sua capire che ho una ferita d'arma da fuoco...

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



P.s.: prossima udienza: 12 aprile


L'ultima modifica di Alive&Kicking il Mar Mar 14, 2017 9:38 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Diadema



Registrato: 26/05/16 12:04
Messaggi: 1431

MessaggioInviato: Mar Mar 14, 2017 9:36 pm    Oggetto: Re: 13 Marzo UDienza Rispondi citando

Alive&Kicking ha scritto:
Il colpo sarebbe partito dall’alto verso il basso ad una distanza di 25 cm dal corpo di Marco.


Sostanzialmente un'esecuzione con lui a questo punto seduto da qualche parte (il colpo dalle scale non c'è più),con ogni probabilità in cucina visto lo straccio insanguinato.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Hard Rain



Registrato: 29/05/14 09:16
Messaggi: 650

MessaggioInviato: Mar Mar 14, 2017 10:55 pm    Oggetto: Rispondi citando

I due problemi più grossi alla teoria dell'esecuzione (omicidio volontario aggravato) sono:

i) sebbene abbiano chiamato l'ambulanza con grave ritardo, c'è da aspettarsi che avrebbero ritardato ancora di più i soccorsi e atteso la morte del ragazzo, il quale rimase ancora in vita per molto tempo fino all'ospedale, al trasbordo sull'eliambulanza, ecc... Se fosse rimasto in vita, avrebbe potuto denunciare tutto;

ii) il colpo inferto non sembra "da esecuzione";

iii) nell'intercettazione la fidanzata si augura che il ragazzo rimanga in vita. Lei sa cosa è successo in casa, sa anche che se fosse rimasto davvero in vita avrebbe denunciato l'accaduto, quindi è assurdo che si auguri che resti vivo.

Ovviamente anche in caso di omicidio colposo la condotta di chi ha sparato e di chi era presente è moralmente esecrabile. Barattare la possibile perdita di un posto di lavoro con la vita del giovane è assurdo.

Per quanto riguarda la custodia delle armi, non c'è alcun obbligo a detenerle in cassette blindate o con particolari accorgimenti di sicurezza. D'altra parte non si possono lasciare incustodite per cui di solito si è a posto se le armi sono detenute anche solo in un cassetto con un lucchetto chiuso a chiave. La ratio della norma non è tanto impedire il furto dell'arma ma che ad es. bambini o altri famigliari possano ferirsi trovando l'arma carica o con i proiettili vicino abbandonata in modo negligente. Questo è quello che normalmente insegnano ai poligoni di tiro ai principianti che devono prendere il porto d'armi. Noi qui a casa abbiamo vari fucili, mio padre da sessant'anni che li detiene non li ha mai lasciati incustoditi per casa, li tiene in parte dentro armadi chiusi a chiave, in parte dietro una vetrina sempre chiusa con chiave. Né l'armadio né la vetrina sono blindati, chiunque potrebbe rubare le armi, ma come dicevo la ratio non è impedire i furti ma prevenire pericoli per negligenza. Se dunque qualcuno si ferisse o peggio morisse in casa e venisse alla luce che le armi erano in giro per casa, sicuramente il proprietario passerebbe dei guai per negligenza nella custodia delle armi in casa.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Diadema



Registrato: 26/05/16 12:04
Messaggi: 1431

MessaggioInviato: Mer Mar 15, 2017 12:13 am    Oggetto: Rispondi citando

Hard Rain scusa ma per me uno che spara a 25 cm dal corpo su un bersaglio seduto non ha intenzioni diverse dall'ammazzarlo e non vedo neanche da lontano la "colposità" del gesto anche perchè quell'arma pare avesse tutt'altro che il grilletto facile.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Hard Rain



Registrato: 29/05/14 09:16
Messaggi: 650

MessaggioInviato: Mer Mar 15, 2017 8:43 am    Oggetto: Rispondi citando

Per me non è detto, può darsi che stessero esaminando la pistola, che gli facesse vedere come si carica, ecc...
Inoltre il colpo sarebbe stato sparato in punti forse più vitali, da esecuzione (testa, cuore, ecc....).
Inoltre in caso di omicidio volontario non credo che avrebbero chiamato I soccorsi, non c'era la certezza che sarebbe morto, difatti se non erro il ragazzo è deceduto quando l'elicottero è prima partito e poi è sceso a terra. Se fosse sopravvissuto?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
sabrinab



Registrato: 04/07/14 22:37
Messaggi: 398

MessaggioInviato: Mer Mar 15, 2017 4:13 pm    Oggetto: Rispondi citando

Hard Rain ha scritto:
Per me non è detto, può darsi che stessero esaminando la pistola, che gli facesse vedere come si carica, ecc...
Inoltre il colpo sarebbe stato sparato in punti forse più vitali, da esecuzione (testa, cuore, ecc....).
Inoltre in caso di omicidio volontario non credo che avrebbero chiamato I soccorsi, non c'era la certezza che sarebbe morto, difatti se non erro il ragazzo è deceduto quando l'elicottero è prima partito e poi è sceso a terra. Se fosse sopravvissuto?


Concordo al 100% con te. La teoria dell'esecuzione presenta anche un altro grave punto debole. La prima chiamata all'ambulanza. Che viene annullata, ma in parte perche' l'operatrice vuole vederci chiaro. E questo non puo' essere previsto. Quando chiamano la seconda ambulanza, Marco sale sul mezzo con le sue gambe. Può ancora riprendersi.

L'autopsia dice che lo sparo e' avvenuto sul corpo nudo del ragazzo. Quindi tu per esecuzione gli spari ad una spalla dove averlo fatto spogliare?

Domanda: a quanti cm di solito si spara?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Diadema



Registrato: 26/05/16 12:04
Messaggi: 1431

MessaggioInviato: Mer Mar 15, 2017 4:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

sabrinab ha scritto:
Hard Rain ha scritto:
Per me non è detto, può darsi che stessero esaminando la pistola, che gli facesse vedere come si carica, ecc...
Inoltre il colpo sarebbe stato sparato in punti forse più vitali, da esecuzione (testa, cuore, ecc....).
Inoltre in caso di omicidio volontario non credo che avrebbero chiamato I soccorsi, non c'era la certezza che sarebbe morto, difatti se non erro il ragazzo è deceduto quando l'elicottero è prima partito e poi è sceso a terra. Se fosse sopravvissuto?


Concordo al 100% con te. La teoria dell'esecuzione presenta anche un altro grave punto debole. La prima chiamata all'ambulanza. Che viene annullata, ma in parte perche' l'operatrice vuole vederci chiaro. E questo non puo' essere previsto. Quando chiamano la seconda ambulanza, Marco sale sul mezzo con le sue gambe. Può ancora riprendersi.

L'autopsia dice che lo sparo e' avvenuto sul corpo nudo del ragazzo. Quindi tu per esecuzione gli spari ad una spalla dove averlo fatto spogliare?

Domanda: a quanti cm di solito si spara?


Continuo a non capire come facciate a considerare un "incidente" un colpo sparato a bruciapelo con lui seduto e lo sparatore in piedi in posizione non frontale ma "di fianco" visto che il colpo parte dalla spalla sinistra e attraversa tutto il corpo toccando anche il cuore.
Con ogni probabilità lui si accorge solo alla fine della presenza di quell'arma.
Il ragazzo probabilmente ha addosso la maglietta smanicata da bagnino,potrebbe essere a torso nudo solo se si fosse appena fatto la doccia e ricevesse lo sparo nella camera di Martina mentre è seduto sul letto;ma sembra ci siano rumori di un litigio prima dello sparo e se ciò è vero significa che lui sta discutendo sotto.

E' evidente che non si tratta di un'esecuzione di gruppo ma c'è una precisa persona che vuole farlo fuori e gli altri cercheranno di metterci una pezza magari pure indottrinandolo su cosa dire ai soccorritori al punto che stranamente sembra che lui dica "scusa Martina".

Se poi la tipa,visto che a questo punto è lei che spara,sia talmente poco
pratica di armi che non si rende conto che sparare a bruciapelo sulla spalla possa comportare conseguenze ben peggiori di una ferita superficiale è discutibile e non ne sarei troppo convinto.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
coppo76



Registrato: 27/01/17 11:57
Messaggi: 11

MessaggioInviato: Mer Mar 15, 2017 5:06 pm    Oggetto: Rispondi citando

Io invece mi sono fatto alcune idee , tenendo in mente che il ciontoli e un professionista e conosce meglio di chiunque altro i cavilli giudiziari per farla fraca potrebbe avere escogitato questa messa in scena dell' incidente e del ritardo nel chiamare i soccorsi per passarla liscia o per essere accusato di omicidio colposo. Un professionista del suo livello sa quanto impiega un essere umano a morire dissanguato, in funzione al punto colpito e conosce anche le differenze tra una palla che esce e una che non esce.
Quando vieni sparato hai poco tempo per iniziare le cure ,se il colpo esce ne hai ancora meno e se si attingono organi vitali il tempo e limitatissimo, quindi aspettare serve solo a rendere la situazione inrimediabile.
Non voglio dire che è omicidio premeditato ma che è stata messa in atto un trucchetto per cercare di rendere la loro posizione meno complicata.
Andiamo lo sanno tutti che se chiami i soccorsi quando i parametri vitali calano le possibilità di sopravvivenza sono uguali a zero!, queste cose ti vengono insegnate ai corsi di polizia o dell,arma.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
coppo76



Registrato: 27/01/17 11:57
Messaggi: 11

MessaggioInviato: Mer Mar 15, 2017 5:15 pm    Oggetto: Rispondi citando

Altra cosa scandalosa che la loro difesa sostiene che sarebbe morto ugualmente e se dovesse passare questa tesi l'accusa passerebbe a omicidio colposo. Quindi niente carcere!, cose da matti...
Mi auguro che finiscano tutti in galera e anche alla svelta.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Delitti e misteri Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 108, 109, 110, 111  Successivo
Pagina 109 di 111

 
Vai a:  
Puoi inserire nuovi argomenti
Puoi rispondere a tutti gli argomenti
Puoi modificare i tuoi messaggi
Puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e

Cerca solo in mostrodifirenze.forumup.it


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.456