Indice del forum IL MOSTRO DI FIRENZE
FORUM SU DELITTI SERIALI, CRONACA NERA ED ALTRO ANCORA
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Il delitto di Signa - 1968
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 303, 304, 305 ... 312, 313, 314  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Discussione generale
Precedente :: Successivo  

Il delitto del 1968 è stato compiuto dal "Mostro di Firenze"?
Si
34%
 34%  [ 101 ]
No
65%
 65%  [ 194 ]
Voti Totali : 295

Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Set 23, 2017 7:47 pm    Oggetto: Ads

Top
iome



Registrato: 21/07/14 07:54
Messaggi: 356

MessaggioInviato: Mar Apr 11, 2017 8:00 am    Oggetto: Rispondi citando

su Scopeti faccio queste due osservazioni:
1) le escissioni su Nadine vengono fatte davanti alla tenda estraendo solo le gambe.
questo permette al mdf di controllare se arriva qualcuno (se fosse stato dentro la tenda non poteva) e di rimettere il corpo della vittima con facilità (solo le gambe) nella tenda poi chiudendola.
2) la lettera non è stata di sicuro confezionata seduta stante a Scopeti perché non esistono tracce ematiche sulla lettera giunta agli inquirenti.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
iome



Registrato: 21/07/14 07:54
Messaggi: 356

MessaggioInviato: Mar Apr 11, 2017 12:58 pm    Oggetto: Rispondi citando

io credo che dobbiamo essere onesti e ammettere che dei 30 punti esposti da Lillo per provare la presenza di Stefano Mele la sera dell’omicidio del 68 a Signa basti rileggersi i punti
5) 14) 13) 16) 17) che sembrano essere dichiarazioni assolutamente spontanee e non indotte o inquinate da terzi visto a farle sono un bambino di 6 anni e uno Stefano Mele che a livello mentale forse è inferiore a quello del figlio.
Non voglio offendere nessuno ma è chiaro che un bambino di 6 anni e Stefano Mele non possegono di certo la malizia di una persona adulta normodotata.
Detto questo se Stefano era presente allora conosce chi c’era quella sera a Signa e ha sempre coperto la persona che ha agito.
I perché possono essere molti , o un grado di parentela , o legame affettivo e sottomissione che aveva per SV o anche l’aver subito delle minacce che potesse succedere qualcosa al figlio ..
Sta di fatto che per come sono andate le cose a Signa nel 68 mi sono fatto l’idea che qualcosa è andato storto nella preparazione del piano per fare fuori la Locci.
Chi convince Mele che sua moglie deve morire lo convince anche a assumersi eventualmente la colpa nel caso gli inquirenti non credano alla messa in scena organizzata.
Una volta deciso il giorno dell’agguato qualcuno consiglia al Mele di andare a casa prima dal lavoro per procurarsi l’alibi e anche perché se lui è a casa la Locci uscirà di sicuro senza il figlio (che gli farebbe anche da alibi).
Ma qualcosa va storto perché Stefano non riesce a convincere la moglie a lasciare a casa Natalino (forse proprio per la paura della Locci che gli sparassero in macchina quando era da sola con qualche amante).
E qui o succede che, una volta uscita la moglie e il figlio di casa, forse il Mele avvisa chi doveva eseguire l’agguato della presenza del figlio e forse vuole anche rinunciare.
Ma l’altra persona o le altre persone forse ormai non vogliono rimandare ..
Forse minacciano Mele che se non si assume la colpa gli accoppano anche il figlio !
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Vidocq



Registrato: 27/05/13 16:21
Messaggi: 912

MessaggioInviato: Mar Apr 11, 2017 6:14 pm    Oggetto: Rispondi citando

lillo ha scritto:
Claudio ha scritto:


Non esiste - a leggere le carte - una prova convincente che il corpo del povero ragazzo francese sia stato volutamente coperto. Certo: è possibile sia accaduto. Tuttavia, viene indicato come apparisse evidente il lunedì pomeriggio che qualcuno avesse calpestato la vegetazione anteriore rispetto agli arti inferiori del ragazzo. A destra ed a sinistra del corpo erano presenti rifiuti (latte, sostanzialmente), come pure sulla testa del povero ragazzo francese (un coperchio).
Nulla vieta che il ragazzo sia crollato, in fin di vita, in mezzo ai rifiuti, come pure che la vegetazione sia stata calpestata non da altri, ma da egli stesso, ormai al suo ultimo respiro.
Tutta questa storia del mdf che occulta - stranamente, per lui - l'ultimo dei suoi delitti maschili è verosimile, ma tutt'altro che provata.


E' vero, non si può essere sicuri, ma dobbiamo chiederci: dove ha effettuato le escissioni su Nadine? Dentro la tenda? Mah, lo vedo davvero molto improbabile. Secondo me l'ha estratta dalla tenda e poi l'ha rimessa dentro. Questo non prova che abbia voluto nascondere il cadavere, ma è assolutamente contrastante con tutti gli altri casi, nei quali ha fatto le escissioni ed ha lasciato i corpi assolutamente esposti.

ma quale posto piu' confortevole di una tenda avrebbe potuto avere il mostro per ottenere i suoi "trofei"? se fossi passato te cosa avresti pensato se non ad una coppia che e' in tenda? si parla sempre delle cose piu' semplici e poi si va a cercare sempre la soluzione piu' contorta..ti ricordo anche che quella piazzola era molto frequentata e troppo a ridosso di una strada principale..a mio avviso e' stato l'unico delitto in cui il mdf non ha dovuto temere di essere visto...mi viene in mente travalle ad esempio ..ecco li penso che abbia rischiato molto ma molto di piu'..
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ale



Registrato: 22/02/09 16:34
Messaggi: 3535

MessaggioInviato: Mar Apr 11, 2017 8:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

Se dovete parlare del delitto degli Scopeti c'è un thread apposito...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Totoro



Registrato: 30/04/14 10:24
Messaggi: 4444
Residenza: Senza fissa dimora

MessaggioInviato: Ven Giu 16, 2017 12:37 pm    Oggetto: Rispondi citando

Sposto nel thread opportuno:
LucaM
Citazione:
Fai bene a mettere in dubbio. Io ho controllato il rapporto del Brigadiere Matassino del NIC di Firenze
" [...]
(Mele) dichiara di andare d'accordo con la moglie nonostante la differenza di età e nonostante fosse a conoscenza che la moglie stessa ha sempre un amante fisso . -In proposito fornisce anzi alcuni nomi dei presunti amanti:-Vinci Giovanni, Vinci Salvatore, Vinci Francesco e per ultimo l'"Enrico" della Giulietta Bianca.[...] nomina il Lo Bianco ed un tale "Virgilio",[...],affermando che anche questi è stato amante della moglie circa un anno prima.[...]
Casamento Ignazio, datore di lavoro del Mele,[...] afferma di avere appreso da voci comuni che la moglie del Mele si concede molto facilmente.
Vinci Francesco, precedentemente incriminato e poi scagionato, durante un colloquio ha accennato ad altri amanti della moglie[...] si viene in possesso dei sottonotati nominativi
D.F. (nel rapporto ci sono i nomi per esteso. Tutti negano di essere stati amanti)
C.G.
F.P.
[...]"
Come vedi la cosa era nota anche al datore di lavoro di Mele ch, Ignazio Casamento, che parla peraltro di "voci comuni" .
Trattandosi comunque del movente dell'omicidio, suppongo che la cosa sia stata verificata dagli investigatori.
Ci sono sicuramente altre fonti, non ultimi gli articoli di giornale dell'epoca che trattarono l'omicidio.
Insomma, non credo che la cosa sia da mettere troppo in dubbio.

Guarda, credo che affermare che Barbara fosse una donna facile e che 'Enrico' fosse stato uno dei suoi amanti, e che questo 'Enrico' fosse il Lo Bianco, abbia fatto comodo a tutti. CC compresi. I quali prima non credono a SM, poi ci ripensano, ed alla fine finisce per essere l'unico colpevole. Rolling Eyes
Tot.

_________________
'Le Ombre non sono meno importanti della Luce'

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
LucaM



Registrato: 12/05/17 10:54
Messaggi: 50

MessaggioInviato: Ven Giu 16, 2017 3:12 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ma nell'interrogatorio in caserma di SM, non era obbligatoria la presenza di un avvocato? Mi pare che non ci fosse alcun legale presente o sbaglio?
Tutto il mostruoso intreccio che nacque in quei due giorni successivi al delitto di Signa e che si è riverberato fino ai giorni nostri, è il frutto avvelenato di questa assenza a mio giudizio. Mele non avrebbe potuto sostenere di essere stato obbligato se non lo fosse stato davvero, gli inquirenti non avrebbero potuto forzare SM ad autoaccusarsi. Le indagini non si sarebbero fermate al colpevole più facile da accusare. Magari quel delitto sarebbe rimasto impunito, ma forse aggi avremmo altri nomi, altre risultanze su cui meditare. Forse, eh.....
Top
Profilo Invia messaggio privato
lillo



Registrato: 28/04/15 15:52
Messaggi: 188

MessaggioInviato: Sab Giu 17, 2017 12:37 am    Oggetto: Rispondi citando

iome ha scritto:
io credo che dobbiamo essere onesti e ammettere che dei 30 punti esposti da Lillo per provare la presenza di Stefano Mele la sera dell’omicidio del 68 a Signa basti rileggersi i punti
5) 14) 13) 16) 17) che sembrano essere dichiarazioni assolutamente spontanee e non indotte o inquinate da terzi visto a farle sono un bambino di 6 anni e uno Stefano Mele che a livello mentale forse è inferiore a quello del figlio.
Non voglio offendere nessuno ma è chiaro che un bambino di 6 anni e Stefano Mele non possegono di certo la malizia di una persona adulta normodotata.
Detto questo se Stefano era presente allora conosce chi c’era quella sera a Signa e ha sempre coperto la persona che ha agito.
I perché possono essere molti , o un grado di parentela , o legame affettivo e sottomissione che aveva per SV o anche l’aver subito delle minacce che potesse succedere qualcosa al figlio ..
Sta di fatto che per come sono andate le cose a Signa nel 68 mi sono fatto l’idea che qualcosa è andato storto nella preparazione del piano per fare fuori la Locci.
Chi convince Mele che sua moglie deve morire lo convince anche a assumersi eventualmente la colpa nel caso gli inquirenti non credano alla messa in scena organizzata.
Una volta deciso il giorno dell’agguato qualcuno consiglia al Mele di andare a casa prima dal lavoro per procurarsi l’alibi e anche perché se lui è a casa la Locci uscirà di sicuro senza il figlio (che gli farebbe anche da alibi).
Ma qualcosa va storto perché Stefano non riesce a convincere la moglie a lasciare a casa Natalino (forse proprio per la paura della Locci che gli sparassero in macchina quando era da sola con qualche amante).
E qui o succede che, una volta uscita la moglie e il figlio di casa, forse il Mele avvisa chi doveva eseguire l’agguato della presenza del figlio e forse vuole anche rinunciare.
Ma l’altra persona o le altre persone forse ormai non vogliono rimandare ..
Forse minacciano Mele che se non si assume la colpa gli accoppano anche il figlio !


Siamo in buona sintonia su questi aspetti Iome. Io personalmente resto anche dell'idea che non ci fosse tutta quella folla (che ipotizzò Torrisi) quella notte. Per me al massimo erano in tre. E va aggiunto che, se davvero SV organizzò questo delitto, il raffronto con il caso del '60 diventa immediato ed evidente. Stessa situazione di alibi (al bar con amici), attestato oltretutto da persone che probabilmente erano suoi amanti, due suoi potenziali figli salvati, due donne che lo avevano rifiutato (ancor più che tradito) e non ultimo, due delitti compiuti con la più o meno tacita approvazione della sua comunità di riferimento, nel senso che per molti SV aveva in un qualche modo il diritto a queste "vendette". Non è particolare di poco conto quest'ultimo. Il personaggio secondo me trovava in una qualche sorta di "legittimazione" la spinta a compiere determinate azioni che in realtà erano da lui volute per soddisfare il proprio ego. Insomma, dava anche a se stesso un pretesto.
Top
Profilo Invia messaggio privato
derrick



Registrato: 25/08/11 12:37
Messaggi: 1949

MessaggioInviato: Sab Giu 17, 2017 1:11 am    Oggetto: Rispondi citando

LucaM ha scritto:
Ma nell'interrogatorio in caserma di SM, non era obbligatoria la presenza di un avvocato? Mi pare che non ci fosse alcun legale presente o sbaglio?
Tutto il mostruoso intreccio che nacque in quei due giorni successivi al delitto di Signa e che si è riverberato fino ai giorni nostri, è il frutto avvelenato di questa assenza a mio giudizio. Mele non avrebbe potuto sostenere di essere stato obbligato se non lo fosse stato davvero, gli inquirenti non avrebbero potuto forzare SM ad autoaccusarsi. Le indagini non si sarebbero fermate al colpevole più facile da accusare. Magari quel delitto sarebbe rimasto impunito, ma forse aggi avremmo altri nomi, altre risultanze su cui meditare. Forse, eh.....


Non c'è bisogno ( a volte) di estorcere confessioni, poichè alcuni si autoaccusano di reati mai commessi. Non sono rare queste "false confessioni" . Per esempio anche il Lotti a mio modesto parere fece una cosa simile.
Io le assomiglio al falso positivo agli esami in laboratorio. Cioè, a prima vista ci sembra di aver trovato il colpevole, ma se si controlla meglio si notano elementi che possono possono essere coerenti con la tesi del reo confesso.

_________________
Uno disse alla fantasia: questo è il tuo limite fissato, fin qui puoi arrivare ma oltre non ti è concesso.
Ma la fantasia si ribellò.
Top
Profilo Invia messaggio privato
sonnyliston



Registrato: 13/09/14 23:07
Messaggi: 222

MessaggioInviato: Dom Giu 18, 2017 1:08 am    Oggetto: Rispondi citando

lillo ha scritto:
iome ha scritto:
io credo che dobbiamo essere onesti e ammettere che dei 30 punti esposti da Lillo per provare la presenza di Stefano Mele la sera dell’omicidio del 68 a Signa basti rileggersi i punti
5) 14) 13) 16) 17) che sembrano essere dichiarazioni assolutamente spontanee e non indotte o inquinate da terzi visto a farle sono un bambino di 6 anni e uno Stefano Mele che a livello mentale forse è inferiore a quello del figlio.
Non voglio offendere nessuno ma è chiaro che un bambino di 6 anni e Stefano Mele non possegono di certo la malizia di una persona adulta normodotata.
Detto questo se Stefano era presente allora conosce chi c’era quella sera a Signa e ha sempre coperto la persona che ha agito.
I perché possono essere molti , o un grado di parentela , o legame affettivo e sottomissione che aveva per SV o anche l’aver subito delle minacce che potesse succedere qualcosa al figlio ..
Sta di fatto che per come sono andate le cose a Signa nel 68 mi sono fatto l’idea che qualcosa è andato storto nella preparazione del piano per fare fuori la Locci.
Chi convince Mele che sua moglie deve morire lo convince anche a assumersi eventualmente la colpa nel caso gli inquirenti non credano alla messa in scena organizzata.
Una volta deciso il giorno dell’agguato qualcuno consiglia al Mele di andare a casa prima dal lavoro per procurarsi l’alibi e anche perché se lui è a casa la Locci uscirà di sicuro senza il figlio (che gli farebbe anche da alibi).
Ma qualcosa va storto perché Stefano non riesce a convincere la moglie a lasciare a casa Natalino (forse proprio per la paura della Locci che gli sparassero in macchina quando era da sola con qualche amante).
E qui o succede che, una volta uscita la moglie e il figlio di casa, forse il Mele avvisa chi doveva eseguire l’agguato della presenza del figlio e forse vuole anche rinunciare.
Ma l’altra persona o le altre persone forse ormai non vogliono rimandare ..
Forse minacciano Mele che se non si assume la colpa gli accoppano anche il figlio !


Siamo in buona sintonia su questi aspetti Iome. Io personalmente resto anche dell'idea che non ci fosse tutta quella folla (che ipotizzò Torrisi) quella notte. Per me al massimo erano in tre. E va aggiunto che, se davvero SV organizzò questo delitto, il raffronto con il caso del '60 diventa immediato ed evidente. Stessa situazione di alibi (al bar con amici), attestato oltretutto da persone che probabilmente erano suoi amanti, due suoi potenziali figli salvati, due donne che lo avevano rifiutato (ancor più che tradito) e non ultimo, due delitti compiuti con la più o meno tacita approvazione della sua comunità di riferimento, nel senso che per molti SV aveva in un qualche modo il diritto a queste "vendette". Non è particolare di poco conto quest'ultimo. Il personaggio secondo me trovava in una qualche sorta di "legittimazione" la spinta a compiere determinate azioni che in realtà erano da lui volute per soddisfare il proprio ego. Insomma, dava anche a se stesso un pretesto.

Ci sono però anche alcune differenze tra il 60 e il 68, e non da poco
1. Barbarina morì da sola, Barbara con l'amante (uno dei tanti, tra l'altro)
2. il primo omicidio, col gas, poteva passare per incidente (come fu), il secondo proprio no
3. e soprattutto, Antonio nel 60 aveva un anno e nulla poteva comprendere né ricordare, Natalino nel 68 aveva quasi 7 anni ed era - sarebbe stato - uno scomodissimo testimone, sulla cui omertà nessuno avrebbe potuto scommettere

_________________
Sto guardando questa specie di orso e vedo che ha gli occhi piccoli e sonnolenti
Top
Profilo Invia messaggio privato
derrick



Registrato: 25/08/11 12:37
Messaggi: 1949

MessaggioInviato: Dom Giu 18, 2017 3:09 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:

Siamo in buona sintonia su questi aspetti Iome. Io personalmente resto anche dell'idea che non ci fosse tutta quella folla (che ipotizzò Torrisi) quella notte. Per me al massimo erano in tre. E va aggiunto che, se davvero SV organizzò questo delitto, il raffronto con il caso del '60 diventa immediato ed evidente. Stessa situazione di alibi (al bar con amici), attestato oltretutto da persone che probabilmente erano suoi amanti, due suoi potenziali figli salvati, due donne che lo avevano rifiutato (ancor più che tradito) e non ultimo, due delitti compiuti con la più o meno tacita approvazione della sua comunità di riferimento, nel senso che per molti SV aveva in un qualche modo il diritto a queste "vendette". Non è particolare di poco conto quest'ultimo. Il personaggio secondo me trovava in una qualche sorta di "legittimazione" la spinta a compiere determinate azioni che in realtà erano da lui volute per soddisfare il proprio ego. Insomma, dava anche a se stesso un pretesto.



Per me non è possibile che SV si sia fidato dello SM come complice.
Se è stato lui, ma per me non è stato lui, lo ha commesso da solo l'omicidio.

Infatti lo Stefano Mele appena portato in caserma ha cominciato a "confessare", è stato un fiume in piena fin da subito autoaccusandosi in primis e poi calunniando una sfilza di suoi parenti e conoscenti, (per volume di materiale quasi roba da fare invidia ad un pentito di Cosa Nostra).
Come faceva uno a fidarsi di un uomo cosi? Era proprio uno stupido SV a scegliersi un complice di siffatta indole?

Purtroppo io credo che i sardi non c'entrano nulla con il mdf. E nemmeno lo stesso marito della Locci.
Per me deve essere stato il primo omicido del mdf. Ai tempi I Cc per me hanno fatto un errore comprensibile, ovvero si sono adagiati comodamente sulle confessioni di un instabile.
Ai tempi non era nemmeno immaginabile che ci fosse un "giustiziere" del tipo mdf. L'unica pista plausibile era quella del delitto d'onore e/o similia ( vedi amante geloso o movente economico).
Se i CC si fossero rifutati di credere al Mele avrebbero dovuto avviare un'attività di indagini molto complessa e costosa ( anche in termini di tempo) a carico della vita privata delle due vittime che forse volevano risparmiarsi...

_________________
Uno disse alla fantasia: questo è il tuo limite fissato, fin qui puoi arrivare ma oltre non ti è concesso.
Ma la fantasia si ribellò.
Top
Profilo Invia messaggio privato
astroscome



Registrato: 22/03/11 19:59
Messaggi: 643

MessaggioInviato: Dom Giu 18, 2017 4:29 pm    Oggetto: Rispondi citando

derrick ha scritto:
Purtroppo io credo che i sardi non c'entrano nulla con il mdf. E nemmeno lo stesso marito della Locci.
Per me deve essere stato il primo omicido del mdf. Ai tempi I Cc per me hanno fatto un errore comprensibile, ovvero si sono adagiati comodamente sulle confessioni di un instabile.
Ai tempi non era nemmeno immaginabile che ci fosse un "giustiziere" del tipo mdf. L'unica pista plausibile era quella del delitto d'onore e/o similia ( vedi amante geloso o movente economico).
Se i CC si fossero rifutati di credere al Mele avrebbero dovuto avviare un'attività di indagini molto complessa e costosa ( anche in termini di tempo) a carico della vita privata delle due vittime che forse volevano risparmiarsi...


A mio parere ci sono abbondanti elementi per considerare i sardi coinvolti. A partire dal comportamento del Mele; sospetto da subito e quantomeno strano dopo. Come se, da persona non propriamente brillante, volesse destreggiarsi in un ginepraio in cui si era cacciato grazie ai consigli, ovviamente interessati, di qualcuno più intelligente, scaltro e pericoloso di lui. Uno che avrebbe potuto vendicarsi, su di lui o su i suoi congiunti (a cominciare da Natalino). Mele sarà anche stato instabile ma uno innocente, totalmente estraneo e vittima di accuse che sa essere completamente false difficilmente si comporta così (in particolare nell'immediato).
Top
Profilo Invia messaggio privato
lillo



Registrato: 28/04/15 15:52
Messaggi: 188

MessaggioInviato: Dom Giu 18, 2017 10:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

astroscome ha scritto:
derrick ha scritto:
Purtroppo io credo che i sardi non c'entrano nulla con il mdf. E nemmeno lo stesso marito della Locci.
Per me deve essere stato il primo omicido del mdf. Ai tempi I Cc per me hanno fatto un errore comprensibile, ovvero si sono adagiati comodamente sulle confessioni di un instabile.
Ai tempi non era nemmeno immaginabile che ci fosse un "giustiziere" del tipo mdf. L'unica pista plausibile era quella del delitto d'onore e/o similia ( vedi amante geloso o movente economico).
Se i CC si fossero rifutati di credere al Mele avrebbero dovuto avviare un'attività di indagini molto complessa e costosa ( anche in termini di tempo) a carico della vita privata delle due vittime che forse volevano risparmiarsi...


A mio parere ci sono abbondanti elementi per considerare i sardi coinvolti. A partire dal comportamento del Mele; sospetto da subito e quantomeno strano dopo. Come se, da persona non propriamente brillante, volesse destreggiarsi in un ginepraio in cui si era cacciato grazie ai consigli, ovviamente interessati, di qualcuno più intelligente, scaltro e pericoloso di lui. Uno che avrebbe potuto vendicarsi, su di lui o su i suoi congiunti (a cominciare da Natalino). Mele sarà anche stato instabile ma uno innocente, totalmente estraneo e vittima di accuse che sa essere completamente false difficilmente si comporta così (in particolare nell'immediato).


astroscome ha scritto:
derrick ha scritto:
Purtroppo io credo che i sardi non c'entrano nulla con il mdf. E nemmeno lo stesso marito della Locci.
Per me deve essere stato il primo omicido del mdf. Ai tempi I Cc per me hanno fatto un errore comprensibile, ovvero si sono adagiati comodamente sulle confessioni di un instabile.
Ai tempi non era nemmeno immaginabile che ci fosse un "giustiziere" del tipo mdf. L'unica pista plausibile era quella del delitto d'onore e/o similia ( vedi amante geloso o movente economico).
Se i CC si fossero rifutati di credere al Mele avrebbero dovuto avviare un'attività di indagini molto complessa e costosa ( anche in termini di tempo) a carico della vita privata delle due vittime che forse volevano risparmiarsi...


A mio parere ci sono abbondanti elementi per considerare i sardi coinvolti. A partire dal comportamento del Mele; sospetto da subito e quantomeno strano dopo. Come se, da persona non propriamente brillante, volesse destreggiarsi in un ginepraio in cui si era cacciato grazie ai consigli, ovviamente interessati, di qualcuno più intelligente, scaltro e pericoloso di lui. Uno che avrebbe potuto vendicarsi, su di lui o su i suoi congiunti (a cominciare da Natalino). Mele sarà anche stato instabile ma uno innocente, totalmente estraneo e vittima di accuse che sa essere completamente false difficilmente si comporta così (in particolare nell'immediato).


E' a doppio taglio la faccenda: riconosco, Derrick, che non era prudente fidarsi di Mele, ma dobbiamo anche vagliare l'ipotesi opposta, ed anche questa ha molti punti deboli:
1- dobbiamo pensare che i rapporti dei CC contengano un sacco di falsità (e non ci torno sopra ad elencarle)
2- dobbiamo pensare ad un Mele che la mattina ha le mani sporche di grasso, sarebbe stato in casa tutta la notte, e non le sa giustificare.
Ma soprattutto io mi chiedo: possibile che i CC puntino direttamente su Mele come colpevole? Ma se prima dice di non entrarci nulla, poi parla della complicità di SV, poi trasferisce il ruolo di complice su tutti gli altri, non sarà molto più plausibile credere che sia caduto in qualche contraddizione fin da subito ed abbia dato adito ai sospetti su di lui?
Esiste una linea logica, che non sarà dimostrabile, ma che è perfettamente ragionevole e spiega praticamente tutto. Già da quando arrivano la mattina a casa sua Mele va in tilt. Non suonano a lui, ma lui li chiama dalla finestra: "Aspettavo che mi portassero la notizia se del caso fosse capitato qualcosa". Ma non è questa esattamente la risposta di un sempliciotto che già dà una risposta senza nemmeno aspettare la domanda? Evidentemente fin da subito attira i sospetti e ci sta pure che lo mettano sotto terzo grado, il che non è corretto naturalmente, ma è di nuovo perfettamente logico che anche volendosi attribuire totalmente il delitto, non ha la più pallida idea di come giustificare la provenienza dell'arma. Ecco allora che chiama in causa SV, ma al tempo stesso si prende tutta la colpa così almeno pensa): io solo sono andato alla macchina, io solo ho sparato, io solo ho gettato la pistola.
io vi invito a riflettere: è tutto falso questo? Sì potrebbe essere il frutto delle botte (che dichiarerà di aver preso in caserma), ma guarda caso centra in pieno una versione dei fatti, che ribaltando i ruoli fila perfettamente: SV va alla macchina, SV spara e SV torna all'auto dove c'è Mele dicendogli di aver gettato via l'arma.
I dubbi secondo me sono parecchi anche nel considerare Mele completamente estraneo ed ignaro dei fatti
Top
Profilo Invia messaggio privato
derrick



Registrato: 25/08/11 12:37
Messaggi: 1949

MessaggioInviato: Lun Giu 19, 2017 12:57 am    Oggetto: Rispondi citando

astroscome ha scritto:
derrick ha scritto:
Purtroppo io credo che i sardi non c'entrano nulla con il mdf. E nemmeno lo stesso marito della Locci.
Per me deve essere stato il primo omicido del mdf. Ai tempi I Cc per me hanno fatto un errore comprensibile, ovvero si sono adagiati comodamente sulle confessioni di un instabile.
Ai tempi non era nemmeno immaginabile che ci fosse un "giustiziere" del tipo mdf. L'unica pista plausibile era quella del delitto d'onore e/o similia ( vedi amante geloso o movente economico).
Se i CC si fossero rifutati di credere al Mele avrebbero dovuto avviare un'attività di indagini molto complessa e costosa ( anche in termini di tempo) a carico della vita privata delle due vittime che forse volevano risparmiarsi...


A mio parere ci sono abbondanti elementi per considerare i sardi coinvolti. A partire dal comportamento del Mele; sospetto da subito e quantomeno strano dopo. Come se, da persona non propriamente brillante, volesse destreggiarsi in un ginepraio in cui si era cacciato grazie ai consigli, ovviamente interessati, di qualcuno più intelligente, scaltro e pericoloso di lui. Uno che avrebbe potuto vendicarsi, su di lui o su i suoi congiunti (a cominciare da Natalino). Mele sarà anche stato instabile ma uno innocente, totalmente estraneo e vittima di accuse che sa essere completamente false difficilmente si comporta così (in particolare nell'immediato).


Interessante... vuoi dire che SM era minacciato o sentiva la minaccia non espressa e diretta da parte di qualcuno?

_________________
Uno disse alla fantasia: questo è il tuo limite fissato, fin qui puoi arrivare ma oltre non ti è concesso.
Ma la fantasia si ribellò.
Top
Profilo Invia messaggio privato
derrick



Registrato: 25/08/11 12:37
Messaggi: 1949

MessaggioInviato: Lun Giu 19, 2017 1:05 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:

Esiste una linea logica, che non sarà dimostrabile, ma che è perfettamente ragionevole e spiega praticamente tutto. Già da quando arrivano la mattina a casa sua Mele va in tilt. Non suonano a lui, ma lui li chiama dalla finestra: "Aspettavo che mi portassero la notizia se del caso fosse capitato qualcosa". Ma non è questa esattamente la risposta di un sempliciotto che già dà una risposta senza nemmeno aspettare la domanda? Evidentemente fin da subito attira i sospetti e ci sta pure che lo mettano sotto terzo grado, il che non è corretto naturalmente, ma è di nuovo perfettamente logico che anche volendosi attribuire totalmente il delitto, non ha la più pallida idea di come giustificare la provenienza dell'arma. Ecco allora che chiama in causa SV, ma al tempo stesso si prende tutta la colpa così almeno pensa): io solo sono andato alla macchina, io solo ho sparato, io solo ho gettato la pistola.

Non capisco perchè un marito che per tutta la notte e al mattino non vede tornare a casa la moglie e il figlio debba sembrare strano se quando bussano i cc se li aspettava o se prende l'iniziativa di contattarli non appena li vede sotto casa..... Rolling Eyes

_________________
Uno disse alla fantasia: questo è il tuo limite fissato, fin qui puoi arrivare ma oltre non ti è concesso.
Ma la fantasia si ribellò.
Top
Profilo Invia messaggio privato
H. Hoffmann



Registrato: 09/09/15 00:20
Messaggi: 79

MessaggioInviato: Lun Giu 19, 2017 9:53 am    Oggetto: Rispondi citando

Comunque resta il fatto che se a colpire a Signa non è stato nessuno dei sardi, come ha fatto a salvarsi Natalino? Un sk che lascia in vita un testimone?

Il Calamosca disse che F.V. minacciò di far del male a Natalino se S.M. non si fosse preso tutta la colpa e gli promise anche dei soldi, mai arrivati.


L'ultima modifica di H. Hoffmann il Lun Giu 19, 2017 2:12 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Discussione generale Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 303, 304, 305 ... 312, 313, 314  Successivo
Pagina 304 di 314

 
Vai a:  
Puoi inserire nuovi argomenti
Puoi rispondere a tutti gli argomenti
Puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e

Cerca solo in mostrodifirenze.forumup.it


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.911