Indice del forum IL MOSTRO DI FIRENZE
FORUM SU DELITTI SERIALI, CRONACA NERA ED ALTRO ANCORA
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Il delitto della Cattolica
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 23, 24, 25, 26  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Delitti e misteri
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Lun Ago 21, 2017 12:49 am    Oggetto: Ads

Top
Diadema



Registrato: 26/05/16 12:04
Messaggi: 1499

MessaggioInviato: Gio Dic 01, 2016 11:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

[quote="Layla"]

Citazione:
Gli appuntamenti del sabato mattina
Se ho capito bene, Simonetta avrebbe raccontato ai genitori il suo sabato dettagliato di compere e commissioni: Banca, università cattolica per i libri dell'amica, tappezziere, estetista di via dante alle ore 12.00, pranzo a casa prima di partire alle 18.00 per la Corsica.

Probabile bugia
L'amica avrebbe smentito Simonetta poiché i libri le erano già stati consegnati almeno il mese prima. Potrebbe sbagliarsi? O a Simonetta era venuto in mente un altro titolo da consegnarle prima che chiudessero le biblioteche e quindi la motivazione reggerebbe?
Se non fosse così, Simonetta avrebbe utilizzato una piccola scusa per celare il vero motivo della sua sosta in Cattolica ma questo motivo, seguendo la mia logica, non sarebbe poi stato così tanto misterioso o grave tanto da aver avvisato i genitori che si sarebbe recata anche lì.


Se ciò è vero dunque non va affatto in quella università per un libro nè tantomeno per fare pipì ma proprio per incontrare il suo assassino e non si tratta di qualcuno di raccomandabile nè probabilmente conosciuto alla famiglia visto che lei appunto omette di dirlo anzi mente.

Citazione:
Lei conosceva il suo assassino, il suo assassino voleva uccidere proprio lei.

Senza nessunissima ombra di dubbio e porta con se un bel coltello di 15 cm adatto allo scopo.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
mamari



Registrato: 08/10/11 10:40
Messaggi: 3147

MessaggioInviato: Gio Dic 01, 2016 11:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

Diadema ha scritto:

Lei conosceva il suo assassino, il suo assassino voleva uccidere proprio lei.

Senza nessunissima ombra di dubbio e porta con se un bel coltello di 15 cm adatto allo scopo.[/quote]

Ok ok...ma questo non toglie che, lui l'abbia asoettata sotto casa, l'abbia seguita..abbia asoettato che uscisse dai vari negozi e alla fine abbia atteso l'occasione giusta ( nel bagno appunto) per estrarre il coltellazzo. A me non convince il fatto dell'appuntamento...nel bagno. Perlomeno, mi convince ben poco. Si sarebbero visti altrove..sia per discutere sia per fare altro..no?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Layla



Registrato: 08/10/15 17:59
Messaggi: 109

MessaggioInviato: Gio Dic 01, 2016 11:58 pm    Oggetto: Rispondi citando

Silvialaura ha scritto:

@Layla
Abbiamo ripercorso l'ultima mattinata di Simonetta.

Riporto qui il percorso
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

, con l'invito a ricontrollarlo su Google Maps o meglio ancora Street Vew, per farsi un'idea dei luoghi e delle varie distanze. Segnalo la grossa incongruenza di cui nessuno parla mai...

cambiato niente dall'epoca, quindi si possono fare le stesse strade. Il signor GoogleMaps mi informa che, dal fondo del corso Vercelli alla Cattolica, sono 2.2 km percorribili in 24 minuti.
Però lei non abitava in piazza Piemonte, c'è arrivata con il tram da via Osoppo 2. Parte da via Osoppo alle 9.30. Quella strada ora la fa il 16, sono 18 minuti, ma non sappiamo quanto abbia aspettato il tram.
Scende in corso Vercelli, poi non riprende il tram anche se percorre il corso nella sua lunghezza, ha delle commissioni e poi è una delle vetrine di Milano.
Va a cambiare le lire in franchi, chissàdove. Va in profumeria.
Passa piazza Baracca, arriva in corso Magenta di cui via Luini è la traversa di una traversa (a meno che non ci fosse una via Luino accanto a corso Vercelli, dev'essere questa), prende i campioni di tessuto, torna in corso Magenta, va in libreria (ma quale?) e compra il vocabolario, (ma personalmente penso abbia prima preso il vocabolario e poi abbia visitato il tappezziere, se no sarebbe tornata sui suoi passi).
Sono le 10.37 e Simonetta ha finito le commissioni.
Poi via Ansperto, giardini Calderini, via Santa Agnese, e dentro in galleria Borella per un'altra visita in profumeria. In questa profumeria se la ricordano alle 11.30 circa.
Questo è il ritardo inesplicabile: quasi un'ora per poche centinaia di metri, senza visite a negozi, almeno che noi si sappia.
Fuori da lì in piazza Sant'Ambrogio, Largo Gemelli, e dentro la Cattolica. Sono due minuti al massimo.


Citazione:
E poi avrebbe preso un appuntamento dall'estetista DOPO un incontro romantico? sembrerà una cosa sciocca ma come donna, anche solo per una manicure, avrei invertito gli appuntamenti.

Giustissimo. E per un appuntamento a scopo [CENSORED] animalesco, ossia l'unico tipo di appuntamento per cui ci si vede in un cesso, a parte che sappiamo che Simonetta mai lo aveva fatto, mi sarei guardata bene dal farmi vedere da vicino da chicchessia prima di doccia e Badedas.


Libri: credo che si trattasse non di libri ma di materiale illustrativo, distribuito dalla Segreteria e non dalla biblioteca (a cui Simonetta non aveva più diritto di attingere, del resto).


Grazie SilviaLaura!
Conosco molto bene la zona (ho casa e bottega). Ti confermo che è via Luini e che la galleria Borella è vicinissima all'entrata della cattolica.
Negli articoli e resoconti si parla di una profumeria in corso vercelli: quindi confermi che le tappe in profumeria sono state due, precisamente quella semi -sotterranea della Galleria?
Perdonami ma quegli orari precisissimi di cui parli sono stati confermati in qualche libro/fascicolo? Pensi che in quell'ora tra le 10.37 e le 11.30 lei abbia incontrato o chiacchierato con qualcuno per poi andare di nuovo in profumeria?
L'estetista la collocano in via Meravigli: non lontana da Sant'Ambrogio ma comunque camminando ci vogliono altri 10/15 minuti circa.
Ogni articolo che leggo ha percorsi diversi, indizi diversi: per me non è facile capire che cosa sia da tenere e cosa scartare..

no, niente appuntamento galante ma non riesco a togliermi dalla testa che si conoscessero, anche solo di vista per via di quella furia, soprattutto sul viso.
Il coltello dicono che sia uno tipo macellaio: ma se fosse stato un taglia carte provenienti da un ufficio? ce ne sono alcuni molto spessi e lunghi.
Ok, fine delle elucubrazioni.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Layla



Registrato: 08/10/15 17:59
Messaggi: 109

MessaggioInviato: Ven Dic 02, 2016 12:01 am    Oggetto: Rispondi citando

(doppione)


L'ultima modifica di Layla il Ven Dic 02, 2016 12:05 am, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Diadema



Registrato: 26/05/16 12:04
Messaggi: 1499

MessaggioInviato: Ven Dic 02, 2016 12:02 am    Oggetto: Rispondi citando

mamari ha scritto:

Lei conosceva il suo assassino, il suo assassino voleva uccidere proprio lei.
Senza nessunissima ombra di dubbio e porta con se un bel coltello di 15 cm adatto allo scopo.


Citazione:
Ok ok...ma questo non toglie che, lui l'abbia asoettata sotto casa, l'abbia seguita..abbia asoettato che uscisse dai vari negozi e alla fine abbia atteso l'occasione giusta ( nel bagno appunto) per estrarre il coltellazzo. A me non convince il fatto dell'appuntamento...nel bagno. Perlomeno, mi convince ben poco. Si sarebbero visti altrove..sia per discutere sia per fare altro..no?


mamari l'occasione giusta per uno che va in giro con un coltello di 15 cm
non è "eventuale" e nel nostro caso assai fortunosa;ma certamente ben pianificata,cosi come la fuga da un'università di un omone di 1,90 trafelato
che ha appena massacrato una ragazza e dovrebbe essere parecchio sporco di sangue.
Vicino a quel bagno c'era il laboratorio linguistico,e visto che lei deve partire per la Corsica è possibile che lei si rechi li a prendere libri o materiale,oppure (se si tratta di quello che penso) cercano un luogo appartato dove consegnarle qualcosa da portare a qualcuno in Corsica.

Infatti a proposito di Corsica:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



"Comunque, all'inizio del '75, viene emesso un mandato di cattura contro Mario Tuti, che però riesce a fuggire all'estero. Questi, dopo aver aspettato che i carabinieri suonassero alla sua porta, per poi sparare loro addosso e uccidendone due, riuscì ad espatriare, prima in Corsica, poi sulla Costa Azzurra, dove venne finalmente rintracciato dalla polizia francese ed arrestato"

Il Serial killer di cui parlo,direi assolutamente reale e per di più neanche tanto pentito il primo posto dove va è la Corsica,che era il rifugio privilegiato di diversi latitanti in particolare terroristi.
Che si tratti di una coincidenza chissà,di certo il tipo corrisponde perfettamente alla stazza dell'aggressore.

Ti ripeto,secondo me la possibilità che lei sia a conoscenza di retroscena
relativi a questo:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Per la quale si sanci essere una strage di destra, e come puoi leggere da post precedenti c'è un terrorista iscritto in quegli anni alla Cattolica,non si può escludere che lei negli ambienti universitari abbia frequentato le persone sbagliate (ai tempi o si stava da una parte o dall'altra) e che forse si richieda da lei un gesto di fedeltà ,del tipo "porta questi documenti a tizio in Corsica" mentre lei affermando che di quel mondo non vuol far più parte sancirà la sua morte.
Oppure,visto che i vertici Montedison (vd.Cefis) sembrano coinvolti in queste stragi,può essere venuta a conoscenza attraverso il suo lavoro;o comunque qualcosa legato a quella strage che avviene del resto nel periodo in cui lei si laurea.

E' certamente una mera ipotesi ma sinceramente la preferisco allo spasimante deluso o alla vecchia fiamma per i quali con ogni probabilità non si sarebbe inventata la scusa del libro.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Layla



Registrato: 08/10/15 17:59
Messaggi: 109

MessaggioInviato: Ven Dic 02, 2016 12:11 am    Oggetto: Rispondi citando

@Diadema, immagino che la tua risposta al mio commento fosse ironica.

ma il fatto che il profilo di Simonetta la porti completamente fuori da questo tipo di coinvolgimenti non ti sembra rilevante?
quindi vale il coltello portato da uno sconosciuto in preda a un raptus e non vale un coltello portato da un conoscente?
Alcuni utenti avevano accostato questo delitto a quello di Lidia Macchi: un pazzo furioso, un serial killer lombardo ecc. ecc.
Purtroppo il sospettato al momento sembra essere un suo ex compagno di liceo.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Diadema



Registrato: 26/05/16 12:04
Messaggi: 1499

MessaggioInviato: Ven Dic 02, 2016 12:16 am    Oggetto: Rispondi citando

Layla ha scritto:
@Diadema, immagino che la tua risposta al mio commento fosse ironica.

ma il fatto che il profilo di Simonetta la porti completamente fuori da questo tipo di coinvolgimenti non ti sembra rilevante?
quindi vale il coltello portato da uno sconosciuto in preda a un raptus e non vale un coltello portato da un conoscente?
Alcuni utenti avevano accostato questo delitto a quello di Lidia Macchi: un pazzo furioso, un serial killer lombardo ecc. ecc.
Purtroppo il sospettato al momento sembra essere un suo ex compagno di liceo.


Layla nessuna ironia,ti ricordo che siamo negli anni post '68 e tutto è politica.
Se vai a vedere i profili dei terroristi di destra o sinistra spesso si celavano personaggi assolutamente anonimi e insospettabili.
Non dico necessariamente che faccia parte del gruppo di fuoco ma per la sua morte basta appunto che abbia frequentato persone che nelle loro farneticazioni parlavano di stragi che poi sono puntualmente avvenute.
E' possibile appunto che si verifichi il suo grado di "affidabilità" (oppure sia stato già verificato con esito negativo) e si elimini quella che si considera una traditrice,e giustifica abbastanza anche l'efferatezza del crimine.
Ti ripeto,se ti porti a spasso un coltello di 15 cm non puoi parlare di "raptus" ,la vuoi ammazzare già da prima no?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Layla



Registrato: 08/10/15 17:59
Messaggi: 109

MessaggioInviato: Ven Dic 02, 2016 12:29 am    Oggetto: Rispondi citando

@Diadema, Quel preciso periodo storico mi appassiona molto: certo che la coincidenza sarebbe spaventosa. Magari lei è stata "utilizzata" in modo marginale.
Però, che io sappia, i terroristi preferivano la [CENSORED] ai coltelli. E poi 33 coltellate? E se avesse dovuto ricevere lettere o documenti compromettenti, non se li sarebbe portata subito a casa anziché fare tappa dall'estetista?

Se penso a uno sconosciuto colto da raptus, non mi quadra la lucidità post omicidio e la tipologia del delitto, se penso a uno invece conosciuto, non mi quadra la scelta di un luogo, pur deserto, a rischio riconoscimento.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Diadema



Registrato: 26/05/16 12:04
Messaggi: 1499

MessaggioInviato: Ven Dic 02, 2016 12:37 am    Oggetto: Rispondi citando

Layla ha scritto:
@Diadema, Quel preciso periodo storico mi appassiona molto: certo che la coincidenza sarebbe spaventosa. Magari lei è stata "utilizzata" in modo marginale.
Però, che io sappia, i terroristi preferivano la [CENSORED] ai coltelli. E poi 33 coltellate? E se avesse dovuto ricevere lettere o documenti compromettenti, non se li sarebbe portata subito a casa anziché fare tappa dall'estetista?

Se penso a uno sconosciuto colto da raptus, non mi quadra la lucidità post omicidio e la tipologia del delitto, se penso a uno invece conosciuto, non mi quadra la scelta di un luogo, pur deserto, a rischio riconoscimento.


Se il delitto è di quel tipo è molto probabile che l'azione sia studiata bene e che il tipo non sia solo.
Non è concepibile un omone di 1,90 che sudato e insanguinato imbocchi direttamente le scale e ripercorra 3/4 di università senza che nessuno lo noti.
E' assai probabile che sfruttino qualche stanza vuota di cui si sono procurati le chiavi cosi come potrebbero uscire da qualche uscita secondaria.
Può essere che quella stanza sia molto vicina ai bagni e lui/loro utilizzino l'escamotage dell'acqua per verificare che ancora nessuno è entrato a chiuderla e quindi hanno via libera;oppure può essere un segnale per un complice,oppure semplicemente l'assassino in un primo momento fa finta di "darsi una rinfrescata" e lascia l'acqua aperta,ma insomma ti ripeto non può trattarsi di un'azione nè fortunosa nè improvvisata.
Quanto ai coltelli,ho postato un articolo dove nel covo di Tuti ne vengono ritrovati ben 40; non servendo immagino per sbucciare le patate erano ottimi x omicidi "silenziosi".
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
mamari



Registrato: 08/10/11 10:40
Messaggi: 3147

MessaggioInviato: Ven Dic 02, 2016 1:08 am    Oggetto: Rispondi citando

Se fosse accadutto oggigiorno si potrebbe risolvere ma soprattutto si potrebbe almeno rispondere a queste domande...basilari per potersi orientare in un'omicidio del genere:
Simonetta aveva una storia? Aveva avuto rapporti sessuali? Nell'ultimo giorno? Era vestita per un incontro amoroso (biancheria intima)?
Gia' dopo aver risposto a queste domande ci si potrebbe cominciare a muovere. A 26 anni, una bellissima ragazza come era lei, e' impossibile non avesse una frequentazione...e se la famiglia assicura che non vedesse nessuno, allora si' che comincerei a credere che la relazione che aveva era clandestina. Insomma..semza poter dare risooste certe a queste primissime domande, non si può ipotizzare nulla..solo fare voli pindarici.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Silvialaura



Registrato: 27/06/11 10:25
Messaggi: 14054

MessaggioInviato: Ven Dic 02, 2016 1:28 am    Oggetto: Rispondi citando

Layla ha scritto:

Grazie SilviaLaura!
Conosco molto bene la zona (ho casa e bottega).
Smile

Citazione:
Ti confermo che è via Luini e che la galleria Borella è vicinissima all'entrata della cattolica.

Infatti, anche se l'entrata ufficiale è in un'altra via, permette di accedere direttamente a piazza S. Ambrogio.

Citazione:
Negli articoli e resoconti si parla di una profumeria in corso vercelli: quindi confermi che le tappe in profumeria sono state due, precisamente quella semi -sotterranea della Galleria?

Citazione:

Perdonami ma quegli orari precisissimi di cui parli sono stati confermati in qualche libro/fascicolo?

10.37 è l'orario sullo scontrino nella libreria. Due tappe in profumeria, una in via Vercelli - dove la commessa ebbe l'impressione di una 300 bianca in seconda fila che sembrava attendere Simonetta - dove credo abbia comprato flaconcini di balsamo, in via Borrella invece acquistò delle mutande snellenti.

Citazione:
Pensi che in quell'ora tra le 10.37 e le 11.30 lei abbia incontrato o chiacchierato con qualcuno per poi andare di nuovo in profumeria?

Possibile. Tra l'altro aveva promesso di passare a salutare un'amica - e non ci andò.
Il rientro a casa era previsto per le 13.00.

Citazione:
L'estetista la collocano in via Meravigli: non lontana da Sant'Ambrogio ma comunque camminando ci vogliono altri 10/15 minuti circa.
Ogni articolo che leggo ha percorsi diversi, indizi diversi: per me non è facile capire che cosa sia da tenere e cosa scartare..

Hai letto

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

?

Citazione:
no, niente appuntamento galante ma non riesco a togliermi dalla testa che si conoscessero, anche solo di vista per via di quella furia, soprattutto sul viso.
Il coltello dicono che sia uno tipo macellaio: ma se fosse stato un taglia carte provenienti da un ufficio? ce ne sono alcuni molto spessi e lunghi.
Ok, fine delle elucubrazioni.

Hai appena cominciato Smile Vero sul tagliacarte, me ne vengono appunto in mentre alcuni dell'epoca. Però la lama è innestata diversamente nell'impugnatura, e con coltellate profonde come quelle inferte a Simonetta credo si possa vedere la differenza. È comunque una possibilità da tenere presente.

Tra l'altro oltre a lavorare Simonetta (che il suo principale definisce estroversa) aveva anche degli impegni extralavorativi: un club del cinema e soprattutto l'attività benefica come crocerossina e

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

. Dire dama di San Vincenzo fa ridere, ma in effetti sono molto attive anche in realtà difficili. [/url]

_________________
<i>"Ma che date i numeri al lotto, qui son tutti grulli da manicomio!"</i>
Top
Profilo Invia messaggio privato
Layla



Registrato: 08/10/15 17:59
Messaggi: 109

MessaggioInviato: Lun Dic 19, 2016 1:11 pm    Oggetto: Rispondi citando

arrivo ahimé solo ora.
Grazie ancora Silvialaura!

sulle Dame di San Vincenzo: a un tiro di schioppo dalla Cattolica e da molti anni un centro - volontariato vincenziano.
[url]http://caritasmilanocentro.it/gruppo-ariberto/ [/url]
in via ariberto 10.
Questa caritas è molto nota nella zona e si appoggia proprio alle dame di San Vincenzo e alla Basilica di Sant'Ambrogio.
potrebbe essere questa la sede dove lei operava?

E ancora: ma la figura assurda del pazzoide che importunava in treno le studentesse, che odiava le donne, che possedeva coltelli e che era stato visto in via de amicis il giorno della morte di Simonetta? sembra talmente perfetto come suo assassino da apparire finto anche se - imho - la ferocia e modalità delle coltellate e la presunta precisione nel ripulirsi e non dare nell'occhio non mi risuona compatibile.

Rimarrebbe la pista che ha suggerito Diadema. però, accidenti, perché girare per Milano nelle profumerie e librerie con addosso qualcosa di compromettente?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Layla



Registrato: 08/10/15 17:59
Messaggi: 109

MessaggioInviato: Lun Dic 19, 2016 1:13 pm    Oggetto: Rispondi citando

arrivo ahimé solo ora.
Grazie ancora Silvialaura!

sulle Dame di San Vincenzo: a un tiro di schioppo dalla Cattolica e da molti anni un centro - volontariato vincenziano.
[url]http://caritasmilanocentro.it/gruppo-ariberto/ [/url]
in via ariberto 10.
Questa caritas è molto nota nella zona e si appoggia proprio alle dame di San Vincenzo e alla Basilica di Sant'Ambrogio.
potrebbe essere questa la sede dove lei operava?

E ancora: ma la figura assurda del pazzoide che importunava in treno le studentesse, che odiava le donne, che possedeva coltelli e che era stato visto in via de amicis il giorno della morte di Simonetta? sembra talmente perfetto come suo assassino da apparire finto anche se - imho - la ferocia e modalità delle coltellate e la presunta precisione nel ripulirsi e non dare nell'occhio non mi risuona compatibile.

Rimarrebbe la pista che ha suggerito Diadema. però, accidenti, perché girare per Milano nelle profumerie e librerie con addosso qualcosa di compromettente?
Top
Profilo Invia messaggio privato
bluesky1984



Registrato: 12/09/14 00:27
Messaggi: 120

MessaggioInviato: Mar Dic 27, 2016 12:56 pm    Oggetto: Rispondi citando

Volevo solo lasciare un'opinione velocissima, avendo studiato all'Università Cattolica e conoscendo quindi molto bene il posto.
La Cattolica è oggettivamente un posto molto bello e tranquillo, con i suoi grandi chiostri e i numerosi giardini con panchine. Non è raro trovare persone che vi entrano anche solo per passeggiare, e io stessa da ex studentessa ci sono entrata numerose volte quando mi sono trovata in zona: per prendere un caffè al bar, fare un giro nella fornitissima libreria, fare una passeggiata tra i chiostri, sedermi su una panchina a leggere.. e qualche volta anche solo per fare pipì, visti i suoi numerosi bagni, ampi e sempre pulitissimi.
Quindi io non escluderei che Simonetta, trovandosi in zona per commissioni, sia entrata solo per usufruire dei servizi igienici o per fare un giro.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Elle



Registrato: 28/07/10 07:49
Messaggi: 797

MessaggioInviato: Mar Dic 27, 2016 2:37 pm    Oggetto: Rispondi citando

Escludere l'ipotesi dell'appuntamento dicendo che in un bagno delle donne non avrebbe avuto senso mi sembra limitativo Rolling Eyes non è plausibile l'idea che l'appuntamento, non necessariamente galante o quantomeno non per lei, lo avesse si alla Cattolica ma in un altro punto? Poi lei va in bagno magari dopo un litigio oppure un saluto che non ha racchiuso per il killer un seguito atteso, e da qui la segue e l'uccide. Io che uno si porti appresso un coltellaccio alla bisogna non lo trovo impossibile. La cronaca nera è piena di omicidi di questo tipo. Questo spiegherebbe anche perché la scelta di quel bagno. Si erano visti in una zona dell'università in quei pressi. E spiegherebbe anche il buco temporale. Un uomo killer solitario e improvvisato con una patologia simile avrebbe reiterato il delitto. Il vedo proprio lei come vittima designata
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Delitti e misteri Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 23, 24, 25, 26  Successivo
Pagina 24 di 26

 
Vai a:  
Puoi inserire nuovi argomenti
Puoi rispondere a tutti gli argomenti
Puoi modificare i tuoi messaggi
Puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e

Cerca solo in mostrodifirenze.forumup.it


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.147