Indice del forum IL MOSTRO DI FIRENZE
FORUM SU DELITTI SERIALI, CRONACA NERA ED ALTRO ANCORA
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

La teoria di SANTONI FRANCHETTI
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Le ipotesi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Ago 19, 2017 3:22 am    Oggetto: Ads

Top
dogo



Registrato: 09/03/09 16:48
Messaggi: 2993

MessaggioInviato: Lun Nov 07, 2011 2:00 am    Oggetto: Re: CASTELLO DI BOSA Rispondi citando

chiccamia ha scritto:
Interessante ciò che dice la scrittrice su BOSA, quasi alla fine del filmato

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



C'è un thread dedicato...

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________
La natura delle cose ama nascondersi (Eraclito)
Top
Profilo Invia messaggio privato
luke



Registrato: 02/11/11 18:13
Messaggi: 32

MessaggioInviato: Lun Nov 07, 2011 3:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

Questo avvocato dice varie cose molto sensate a mio vedere, a parte l'imprecisione sul fatto, che il cadavere sia stato trascinato.

Non capisco invece come il fatto che L'assassino/i abbia/no trascinato il cadavere possa essere palese di un solo serial killer, non ci sono elementi chiari, e questo è tutto.
Top
Profilo Invia messaggio privato
gilbertomerighi



Registrato: 22/01/11 22:04
Messaggi: 251

MessaggioInviato: Mer Giu 27, 2012 10:14 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ho sentito che questo avvocato paeraltro ancora abbasatnza giovane è venuto a mancare ultimamente.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
reporter



Registrato: 09/08/10 10:53
Messaggi: 2174

MessaggioInviato: Mer Giu 27, 2012 10:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

gilbertomerighi ha scritto:
Ho sentito che questo avvocato paeraltro ancora abbasatnza giovane è venuto a mancare ultimamente.


Mica tanto ultimamente... mi sembra nel 2001.
Top
Profilo Invia messaggio privato
david70



Registrato: 24/01/11 19:59
Messaggi: 44

MessaggioInviato: Gio Lug 30, 2015 10:01 am    Oggetto: Rispondi citando

..nel delitto delle "bartoline", potrebbe essere anche che SB, la vittima maschile abbia tentato la fuga..nn capisco perché a Scopeti si da per scontato che il ragazzo abbia tentato la fuga, mentre in altri omicidi che sia stato l'autore a spostarne il corpo!!
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
cornacchia86



Registrato: 25/01/10 00:40
Messaggi: 89

MessaggioInviato: Gio Lug 30, 2015 9:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

Il tentativo di fuga di JMK è dimostrato dal residuato di sangue al di fuori della tenda e dalla natura non letale dei colpi di proiettili (dovendo altrimenti supporre che la vittima sia stata uccisa con le coltellate all'interno della tenda).
Top
Profilo Invia messaggio privato
Vidocq



Registrato: 27/05/13 16:21
Messaggi: 904

MessaggioInviato: Ven Lug 31, 2015 8:50 pm    Oggetto: Rispondi citando

cornacchia86 ha scritto:
Il tentativo di fuga di JMK è dimostrato dal residuato di sangue al di fuori della tenda e dalla natura non letale dei colpi di proiettili (dovendo altrimenti supporre che la vittima sia stata uccisa con le coltellate all'interno della tenda).

esatto...il mdf , come e' logico che sia nell'ottica di un serial killer , si preoccupa di eliminare il pericolo maggiore...ovvero la figura maschile...a scopeti evidentemente la ragazza era piu' esposta essendo al di sopra di lui....quindi fu la prima ad esser attinta dai colpi letali
Top
Profilo Invia messaggio privato
Eppermann



Registrato: 26/10/11 14:53
Messaggi: 34

MessaggioInviato: Dom Mar 19, 2017 8:45 pm    Oggetto: Rispondi citando

Scusate a proposito del compianto Avv. Luca Santoni Franchetti, ho trovato questo articolo:

' UN DISEGNO SVELA LA VERITA' '
FIRENZE - L' arma è stata sempre la stessa, l' assassino un solo uomo: Pietro Pacciani. I sedici delitti del mostro di Firenze non sono opera di una setta satanica, né vi è stato passaggio dell' arma dopo il primo duplice delitto, quello del 1968, per cui c' è un reo confesso già condannato. Questo sostiene il pubblico ministero Paolo Canessa, che ieri ha elencato gli indizi raccolti contro l' anziano contadino di Mercatale. Per il pm sarà possibile provare che l' uomo condannato per quel lontano omicidio, Stefano Mele, non ne è stato l' autore. E si aprirà così la strada per dire, una volta per tutte, che si trattò di un errore giudiziario e che il mostro ha cominciato ad uccidere allora. Ma appena il pubblico ministero ha concluso la sua esposizione, l' ombra di quel lontano duplice omicidio - che nel 1982 diede il via a un' inchiesta drammatica e alla cosiddetta pista sarda, segnata da arresti di presunti mostri e da omicidi che puntualmente li scagionavano - è tornata a pesare sul processo. Ed è stato subito chiaro che lo scontro si scatenerà soprattutto su quel delitto. Prima ancora che lo facessero i difensori di Pietro Pacciani, gli avvocati Rosario Bevacqua e Pietro Fioravanti, è stato un difensore di parte civile ad accendere la miccia. Luca Santoni Franchetti rappresenta le famiglie di tre delle vittime del mostro. Dichiara: "Non vogliamo una verità, vogliamo la verità". Chiede: perché un serial killer, un assassino che uccide perché gli piace, avrebbe lasciato anni di quiete fra un delitto e l' altro? Eppure la sequenza parla chiaro: un delitto nel ' 68, uno nel ' 74, due nel 1981, poi uno per anno fino al 1985. E ci sono altri aspetti da chiarire, insiste l' avvocato: il 21 agosto 1968 nella macchina in cui furono uccisi Barbara Locci e Antonio Lo Bianco c' era un bambino di sei anni, Natalino, il figlio di lei. Era un testimone del delitto, è forse l' unico essere vivente che abbia visto il mostro in azione, ma non fu ucciso. Anzi, quasi certamente fu accompagnato dall' assassino (o dagli assassini) fino a una casa amica. Perché? Questo rinvia - secondo l' avvocato - all' idea di un delitto maturato in ambiente familiare e apre ipotesi diverse per i successivi omicidi, che potrebbero essere opera di un gruppo. Fantasie, per il Pm Paolo Canessa. Le analisi sulle mutilazioni compiute dall' assassino dimostrano che ha sempre operato una stessa mano. Niente setta. Niente gruppo. Solo Pietro Pacciani. Al quale è stata trovata una pallottola che, secondo l' accusa, è certamente collegata all' arma del mostro, al quale sono stati trovati oggetti che appartenevano alle vittime. E che è stato riconosciuto mentre, armato di pistola, spiava una coppia. Il pubblico ministero riconosce che si tratta di un processo indiziario e assicura che l' accusa, se non riuscirà a provare la colpevolezza di Pacciani, saprà trarre le dovute conseguenze. Ma difende con forza la qualità degli indizi raccolti: "numerosi, gravi, precisi, univoci, concordanti". Poi sferra un ultimo colpo ad effetto. Parla di un quadro sequestrato in casa Pacciani. E' opera sua. Lo ha intitolato "Un sogno di fantascienza". Qualcuno lo ha definito "una confessione". Un essere diabolico, mezzo uomo digrignante, mezzo toro infuriato, impugna una spada vendicatrice che dirige verso il pube di una piccola mummia. Altre mummie spuntano qua e là, fra teschi, simboli infernali, organi genitali, stelle e croci. I colori sono violenti: gialli e rossi. E' un' opera infantile e orrenda, con una carica di ferocia che lascia senza parole. E' stata fatta analizzare allo psichiatra Vittorino Andreoli, che pare ne abbia tratto un profilo agghiacciante della personalità dell' autore. "Mi rendo benissimo conto - sottolinea il pm - che non è possibile valutare la responsabilità di un uomo, neppure marginalmente, pur in presenza di altri numerosi indizi, su di un quadro... Ma la Corte avrà modo di capirne il reale significato". Sul quadro c' è una data: 10 aprile 1985. Secondo l' accusa, anche la data ha un significato: è la vigilia, 34 anni dopo, del giorno che ha travolto la vita di Pietro Pacciani. L' 11 aprile 1951, il giovane Pacciani (aveva 26 anni) seguì nel bosco la sua fidanzata e la sorprese mentre porgeva il seno sinistro a un altro uomo. Lo spettacolo scatenò la sua furia. Si avventò sul rivale, lo uccise con 19 coltellate, poi raddrizzò il coltello e disse alla ragazza: "Ora tocca a te". La risparmiò perché lei promise di sposarlo e si fece violentare lì, a pochi passi dal cadavere ancora caldo. Quel delitto, secondo l' accusa, ha ossessionato Pacciani per tutta la vita e ne ha fatto il mostro che dal 1968 aggredisce le coppie sorprese nell' intimità. Gli avvocati di Pacciani scuotono la testa: "Qui si sta cercando di trasformare i sospetti in indizi, gli indizi in prove. Ma contro Pacciani non c' è nulla". E chiedono la convocazione di nuovi testi, fra i quali uno degli uomini sospettati in passato dei delitti: gli chiederanno conto di una misteriosa telefonata.


A quale misteriosa telefonata si riferiscono nell'articolo? Qualcuno di voi ne sa qualcosa. C'è traccia nel dibattimento di questa misteriosa telefonata? Non credo, penso infatti si stia parlando di SV, che non era presente durante il processo perchè "scomparso". I testi di LSF non hanno risposto ad una domanda simile.
Grazie per la disponibilità dei colleghi furomisti!
Very Happy Very Happy Very Happy

_________________
„Con la presente il re proibisce a tutti gli ufficiali di cavalleria, pena l'infame destituzione, di lasciarsi mai attaccare dal nemico, perché sono i prussiani che devono sempre attaccare per primi.“ – Federico II di Prussia
Top
Profilo Invia messaggio privato
bruchetto



Registrato: 10/07/12 13:45
Messaggi: 1063

MessaggioInviato: Dom Mar 19, 2017 9:30 pm    Oggetto: Rispondi citando

Eppermann ha scritto:

A quale misteriosa telefonata si riferiscono nell'articolo? Qualcuno di voi ne sa qualcosa. C'è traccia nel dibattimento di questa misteriosa telefonata? Non credo, penso infatti si stia parlando di SV


l'articolo che hai incollato è di Franca Selvatici su "La Repubblica" del 22 aprile 1994.
il giorno prima aveva parlato Santoni Franchetti, quindi basta cercare in quella trascrizione; ecco qua la parte sulla misteriosa telefonata:

[...] Sono state effettuate intercettazioni telefoniche interessantissime. Due pastori sardi dicono – e scaturisce da questa l’istruttoria del giudice Rotella – testualmente in sardo: “e chini di schidi chi ne dessi, e custu su segreto che nun se schidi”. E chi lo sa chi era che accompagnò il bambino a quella casa? Ed è questo il segreto che non si sa. [...]
Top
Profilo Invia messaggio privato
Frank Powerful



Registrato: 13/04/15 18:27
Messaggi: 446

MessaggioInviato: Dom Mar 19, 2017 10:05 pm    Oggetto: Rispondi citando

e chini s’ischidi a chi lu dessi,
es custu su segretu che nun s’ischidi


NdA.: “E chi può sapere a chi lo ha dato, è questo il segreto che non si conosce”. L’avvocato Santoni Franchetti in udienza al processo Pacciani cita così un brano di un’intercettazione telefonica, fornendo però poi una traduzione di fantasia. Sembra che si parli comunque di Natalino e di chi lo accompagnò a quella casa (di De Felice). L’idioma dovrebbe essere campidanese, parlato sia a Villacidro che in provincia di Oristano (Fordongianus). Non (mi) è purtroppo dato di conoscere l’identità degli intercettati.

_________________
Ignoramus et ignorabimus

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
Eppermann



Registrato: 26/10/11 14:53
Messaggi: 34

MessaggioInviato: Lun Mar 20, 2017 3:13 pm    Oggetto: Rispondi citando

Si avevo letto l'arringhe introduttiva di Santoni Franchetti e la parte riguardo a quest'intercettazione, non avevo collegato le due cose. Mi manca il passaggio del perchè si voleva contestare la cosa a SV. Nessuno di Voi sa chi erano gli intercettati? Giovanni Calamosca forse ed altri?

_________________
„Con la presente il re proibisce a tutti gli ufficiali di cavalleria, pena l'infame destituzione, di lasciarsi mai attaccare dal nemico, perché sono i prussiani che devono sempre attaccare per primi.“ – Federico II di Prussia
Top
Profilo Invia messaggio privato
Eppermann



Registrato: 26/10/11 14:53
Messaggi: 34

MessaggioInviato: Lun Mar 20, 2017 3:22 pm    Oggetto: Rispondi citando

Anche se a dirla tutta Calamosca non è sardo...

_________________
„Con la presente il re proibisce a tutti gli ufficiali di cavalleria, pena l'infame destituzione, di lasciarsi mai attaccare dal nemico, perché sono i prussiani che devono sempre attaccare per primi.“ – Federico II di Prussia
Top
Profilo Invia messaggio privato
Frank Powerful



Registrato: 13/04/15 18:27
Messaggi: 446

MessaggioInviato: Lun Mar 20, 2017 3:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

vennero intercettati anche i parenti del mele, è possibile che sia una conversazione familiare. quanto ai sospettati, il fratello era stato accusato, quindi ci starebbe. E' una supposizione mia, per certo non lo so.

_________________
Ignoramus et ignorabimus

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
bruchetto



Registrato: 10/07/12 13:45
Messaggi: 1063

MessaggioInviato: Lun Mar 20, 2017 3:59 pm    Oggetto: Rispondi citando

Eppermann ha scritto:
Si avevo letto l'arringhe introduttiva di Santoni Franchetti e la parte riguardo a quest'intercettazione, non avevo collegato le due cose. Mi manca il passaggio del perchè si voleva contestare la cosa a SV.

domando perdonanza, ieri sera sbagliai.
Rileggendo meglio il finale dell'articolo di Franca Salvatici:


Gli avvocati di Pacciani scuotono la testa: "Qui si sta cercando di trasformare i sospetti in indizi, gli indizi in prove. Ma contro Pacciani non c' è nulla". E chiedono la convocazione di nuovi testi, fra i quali uno degli uomini sospettati in passato dei delitti: gli chiederanno conto di una misteriosa telefonata.


Non è nella trascrizione di Santoni Franchetti che dovevo cercare, ma in quelle di Fioravanti e Bevacqua (stesso giorno 21 aprile 1994).
E infatti Bevacqua parlò di telefonate, ecco qua:


A.B.: Spalletti Enzo, via del Turbone 23, Montelupo Fiorentino, Turbone… è turbato, era turbato sì poveraccio, su dichiarazioni rese il 12 giugno ’81 al P.M. dottoressa Della Monica. Fabbri Fosco, residente a Firenze, via Xxxxxxxx xx, sulle dichiarazioni rese il 12/6/81 al P.M. Della Monica. Spalletti Dino. Il primo lo… chiedo la citazione ai sensi dell’articolo 210 Codice di Procedura Penale, perché era stato imputato e poi prosciolto. Spalletti Dino, Montelupo, via Xxxxxxxx XX, sulle dichiarazioni rese al P.M. il 22/6/81, su un appunto che è agli atti di una telefonata ricevuta da tal Fosco Ricciolo…

Presidente: Avvocato Bevacqua, lei poi ci produce magari… sennò non possiamo verbalizzare tutto. A meno che lei non vada piano.

A.B.: Va bene. Io lo dico, Presidente. Magari glielo dico dopo, perché li ho buttati lì. Perché ogni notte studio qualche cosa. Affiora sempre qualche elemento.

Presidente: Va bene, grazie.

A.B.: A. C., via del Turbone 23 – è la moglie di Spalletti – su ciò che riferì al Magistrato, dottor Izzo, in ordine alla telefonata di un certo, di un sedicente Fosco Ricciolo. Telefonata fatta al cognato. Poi, signor Presidente, siccome il signor Pubblico Ministero mi ha anticipato, ha giocato di anticipo citando il professor Biagio Montalto come consulente del P.M., io devo sostituirlo. E devo sostituirlo, lui, con un consulente – se non ci sono opposizioni delle parti – un consulente non medico, ma balistico – professor Morin – perito balistico di Venezia. E devo sostituire anche il consulente tecnico già nominato tempestivamente che era il professor Volterra sugli stessi elementi per i quali avevo indicato, fatto la lista, il professor Francesco Bruno, Istituto di Psicopatologia Forense di Roma. Io credo che non ci siano problemi sul punto.
Top
Profilo Invia messaggio privato
iome



Registrato: 21/07/14 07:54
Messaggi: 327

MessaggioInviato: Mar Mar 21, 2017 8:53 am    Oggetto: Rispondi citando

ma quindi ?
si sa qualcosa di questa telefonata di tal fosco ricciolo a Spalletti o moglie Spalletti o casa Spalletti ???
cosa sarebbe emerso da questa telefonata ?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Le ipotesi Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Successivo
Pagina 4 di 5

 
Vai a:  
Puoi inserire nuovi argomenti
Puoi rispondere a tutti gli argomenti
Puoi modificare i tuoi messaggi
Puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e

Cerca solo in mostrodifirenze.forumup.it


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.119